GP Silverstone F1 2013, esplosioni gomme: parla Pirelli! FIA: “Pensato di fermare gara” [FOTO]

Le esplosioni delle gomme nel Gran Premio di Inghilterra 2013 di Formula 1 rappresentano per la Pirelli un danno di immagine grave

da , il

    GP Silverstone F1 2013, esplosioni gomme: parla Pirelli! FIA: “Pensato di fermare gara” [FOTO]

    Le esplosioni delle gomme nel Gran Premio di Inghilterra 2013 di Formula 1 passeranno alla storia. Quello che è accaduto sul circuito di Silverstone rappresenta per la Pirelli un danno di immagine grave. Nonostante nella conferenza stampa post-gara Paul Hembery ribadisca che non ci sono segnali di cedimenti strutturali e che la causa di quei danneggiamenti agli pneumatici va ricercata in qualche parte del tracciato britannico, il fornitore unico resta sotto strettissima osservazione! Aver cambiato il sistema costruttivo è un indizio importante di colpevolezza. A tal proposito i team chiedono di poter sfruttare il test in programma a luglio per i giovani piloti al fine di lavorare sugli pneumatici. La FIA, intanto, per bocca del direttore di corsa Charlie Whiting fa sapere di aver seriamente pensato di non far concludere il Gran Premio.

    Esplosioni gomme a Silverstone: parola alla Pirelli

    Così parla l’attesissimo Paul Hembery dopo il caotico GP di Silverstone 2013:“Ci sono stati dei problemi mai riscontrati prima al posteriore sinistro. Abbiamo preso molto seriamente in considerazione la situazione e, attualmente, stiamo analizzando tutte le gomme per arrivare a determinare la causa prima del prossimo Gran premio di Germania. Possiamo già escludere che il nuovo processo costruttivo, introdotto da questa gara, sia alla base degli incidenti verificatesi“. Il capo di di Pirelli motorsport crede che sia il tracciato del GP d’Inghilterra a nascondere qualche insidia:“Qualche parte del circuito di Silverstone potrebbe avere avuto un impatto particolare sulla versione più recente dei nostri pneumatici 2013, ma in questo momento non vogliamo fare ipotesi. Metteremo insieme tutte le prove raccolte per scoprire cosa è successo e poi intraprendere le azioni che saranno necessarie”, ha concluso.

    FIA: rischiato lo stop del GP

    Charlie Whiting ammette di aver analizzato a fondo il problema e, a gara in corso, di aver pensato anche a soluzioni estreme pur di garantire la sicurezza in pista:“Ho pensato di interrompere la gara con la bandiera rossa – si legge su Autosport – è stato anche un rischio per i commissari dover pulire tutti i detriti. E’ stata una situazione mai vista in precedenza che merita un’analisi approfondita. Al momento è troppo presto per trarre conclusioni ma c’è fretta di prendere delle decisioni entro mercoledì”. Ricordiamo che venerdì prossimo saremo di nuovo in pista con le prove libere del GP di Germania.

    I team chiedono un test per le gomme

    C’è un test per giovani piloti in programma proprio a Silverstone tra pochi giorni. Perché non trasformarlo in un test per capire meglio le gomme Pirelli? L’ha fatto la Mercedes a Barcellona senza subire grosse penalità. Sarebbe l’occasione giusta per sistemare il problema sicurezza e, al tempo stesso, fare giustizia. E’ questo il ragionamento dei team di Formula 1 che provano a chiedere alla FIA di cambiare le regole in corsa. “Dobbiamo discuterne nei prossimi giorni. Il problema va risolto. Direi che potremmo usare i nostri piloti titolari nel test di Silverstone in programma a breve”, è stato il commento di Stefano Domenicali. Chris Horner ha aggiunto:“Tra qualche settimana ci sarà un test per giovani piloti. Forse è meglio aprirlo anche ai titolari o ai collaudatori esperti che forniranno feedback più attendibili”. Scettico, invece, Martin Whitmarsh della McLaren:“Penso sarebbe troppo tardi ormai. Credo che la cosa più giusta da fare sia riproporre le gomme dello scorso anno sulle quali non abbiamo incertezze”. Se non sarà trovata unanimità, tutto resterà com’è.