GP Singapore F1 2012: Hamilton-Maldonado, prima fila di fuoco!

Formula 1: Lewis Hamilton si trova in prima fila del GP di Singapore con Pastor Maldonado

da , il

    GP Singapore F1 2012: Hamilton-Maldonado, prima fila di fuoco!

    Lewis Hamilton ritrova un vecchio “nemico” nella prima fila del Gran Premio di Singapore di Formula 1 2012. Visti i bollenti trascorsi tra i due, Pastor Maldonado non è il miglior personaggio da incontrare per arrivare ad una vittoria nettamente alla portata. Eppure il pilota della Williams, dimenticando le ruggini passate tra i due, può trasformarsi in grande alleato nella corsa al titolo, togliendo punti a Sebastian Vettel e soprattutto Fernando Alonso. “Devo dire che i ragazzi hanno fatto un lavoro fantastico per tutto il fine settimana. Abbiamo introdotto dei miglioramenti che non sapevamo se avessero funzionato o meno. Quanto a me, dove dire che ho fatto un bellissimo giro”, ha dichiarato il pilota della McLaren nella conferenza stampa dopo le qualifiche di Singapore.

    Guarda anche:

    Hamilton: “Mi aspettavo una lotta con Vettel”

    “Questa è una pista complicata perché è difficile trovare il tempo, soprattutto nei primi giri, non è semplice trovare la temperatura giusta degli pneumatici e dei freni – ha aggiunto Lewis Hamiltonmi aspettavamo una lotta con Sebastian e non so cosa gli sia successo nel suo ultimo giro”. Alla fine è sbucato Maldonado. Vettel è comunque minaccioso in terza posizione. In gara, la differenza sarà fatta da chi riuscirà a gestire meglio il degrado degli pneumatici. Ciò significa che i risultati sul giro secco potrebbero essere del tutto ininfluenti. La conferma arriva dalle parole di Martin Whitmarsh:“Abbiamo fatto delle buone prove sui long run e solo dopo ci siamo concentrati sulle qualifiche. Sebastian Vettel sembrava in forma ma noi abbiamo dimostrati di essere forti - ha dichiarato il team principal della McLaren – Sono contento anche per Jenson che ha avuto una giornata difficile ma ha fatto un ottimo recupero. Pastor Maldonado è una bella sorpresa di queste qualifiche e ora dobbiamo cercare di partire bene ed evitare guai alla prima curva”.

    Maldonado o Vettel: chi fa più paura?

    Fa più paura la scheggia impazzita della Williams o il ritorno della Red Bull che, eccezion fatta per l’ultima manche delle qualifiche, è sempre stata al livello della McLaren di Hamilton? La risposta la darà la gara. Pastor Maldonado, però, non è intenzionato a fare la comparsa. Per lui ci sono i margini per ripetere quanto fatto a Barcellona dove arrivò una incredibile vittoria:“Abbiamo lavorato duramente. All’inizio del weekend eravamo un po’ persi con il setup della macchina e alla fine siamo riusciti ad adattare la macchina al mio stile di guida trovando un buon bilanciamento. Abbiamo visto un buon passo gara durante le prove libere ed abbiamo lavorato molto sui long run per cui siamo ottimisti per il GP”. Sebastian Vettel fatica a spiegare la debacle della Q3 ma non si sente affatto battuto:“Il terzo posto è un buon punto di partenza. Possono accadere molte cose domani e noi abbiamo un ottimo potenziale. Purtroppo non sono riuscito a trovare un giro buono nella fase finale e questo è stato un peccato ma resto fiducioso”, ha affermato nel primo incontro con i giornalisti. Più cauto Chris Horner:“Il nostro passo nell’ultima sessione non è stato veloce. Non so il motivo. Forse non abbiamo preparato al meglio la vettura. Detto ciò, dobbiamo pensare che partire dal terzo posto non è male. Sarà una gara lunga, dura, che terminerà dopo quasi due ore”.