GP Singapore F1 2013: Webber e Alonso puniti per l’autostop di fine gara! [FOTO] [VIDEO]

10 posizioni in meno sulla griglia di partenza del prossimo Gran Premio di Corea per Mark Webber? E' questa la sanzione che sarà valutata nei confronti del pilota della Red Bull dopo aver preso un passaggio "al volo" da Fernando Alonso al termine del Gran Premio di Singapore 2013 di Formula 1

da , il

    10 posizioni in meno sulla griglia di partenza del prossimo Gran Premio di Corea per Mark Webber? E’ questa la sanzione che sarà valutata nei confronti del pilota della Red Bull dopo aver preso un passaggio “al volo” da Fernando Alonso al termine del Gran Premio di Singapore 2013 di Formula 1 conclusosi per lui con un ritiro a pochi chilometri dalla bandiera a scacchi. Per l’australiano è la terza reprimenda della stagione che, a norma, significa 10 posizioni di arretramento sulla griglia del successivo GP. Il rimprovero ha interessato anche il pilota della Ferrari. I due sono stati accusati dalla FIA di manovre pericolose.

    Hamilton: “Vedere Webber in pista è stato uno shock”

    Stavolta i commissari di gara non sono stati clementi come altre volte (vedi foto in basso). Ogni fermata sul tracciato senza autorizzazione è vietata. Mark Webber è entrato in pista per prendere il passaggio di Fernando Alonso il quale si è fermato nel mezzo della pista nonostante i marshals gli avessero detto di non farlo perché c’erano tre macchine – Raikkonen, Rosberg e Hamilton – subito dietro di lui. Il finlandese ed il tedesco li hanno evitati. Poi è arrivato il momento di Hamilton che è addirittura dovuto andare oltre i cordoli:“Stavo facendo il mio giro di rientro. Entrando in curva ho trovato Fernando ed è stato scioccante”, ha spiegato l’inglese della Mercedes. “Sono andato alla sua destra ma ho trovato Mark che che stava passeggiando. Potevo passargli sopra! Per fortuna non è successo… E’ bello per i tifosi fare cose di questo tipo ma se avviene in sicurezza.”

    Webber: sanzione da confermare in Corea

    Detta in burocratese, la lettura dei fatti suona così: Webber non ha rispettato l’articolo 30.9 (b) che vieta l’ingresso in pista senza il permesso dei commissari di percorso. Alonso, invece, è stato ammonito per aver guidato in modo potenzialmente pericoloso per gli altri piloti e le altre persone. Avendo raggiunto quota tre richiami in stagione (gli altri due sono, rispettivamente, per un contatto con Rosberg in Bahrain e per non aver rispettato le bandiere gialle in Canada), Webber rischia la retrocessione in griglia di partenza del GP di Corea. La Red Bull ha chiesto di valutare con attenzione la situazione e la FIA ha deciso che riprenderà l’argomento tra due settimane direttamente in Corea.

    FOTOGALLERY: DA FORMULA 1 A FORMULA-TAXI! I CASI PIU’ FAMOSI DELLA STORIA