GP Singapore F1 2016, Mercedes. Rosberg: “Ho pensato di non farcela”

Nico ha resistito al ritorno di Ricciardo, mentre Hamilton riconosce la superiorità di Rosberg a Singapore

da , il

    GP Singapore F1 2016, Mercedes. Rosberg: “Ho pensato di non farcela”

    Duecento gran premi in Formula 1 e Nico Rosberg festeggia con la vittoria nel GP di Singapore 2016. Meritata, anche se molto molto sudata, causa finale imprevisto, lui a mantenere la strategia su due pit-stop mentre dietro Hamilton obbligava Raikkonen e Ricciardo a passare alle tre. I calcoli sono stati quelli giusti, per 4 decimi agguanta il successo e torna in testa nella classifica iridata, con 8 punti di margine su Hamilton a sei gare dal termine. Gli unici campanelli d’allarme nell’arco dei 61 giri sono arrivati dai freni, a inizio gara soprattutto, da tenere sotto controllo e gestire nelle temperature, a parte ciò, superiorità chiara della Mercedes numero 6 sulla Red Bull. «Sono molto felice, una gara come dev’essere, quattro macchine in lotta. La strategia con Nico è stata pericolosa, perché si può sbagliare facilmente. Sono esausto, non abbiamo richiamato Nico perché era troppo tardi, Ricciardo sarebbe passato davanti, subito al giro di rientro in pista è stato velocissimo. Con i freni, cerchiamo di essere molto competitivi con l’aerodinamica e chiudendoli di più poi si surriscaldano», spiega Toto Wolff. Guarda anche:

    Rosberg che ha messo in mostra una superiorità netta sin dal venerdì, non sbagliando nulla ed esprimendosi su livelli altissimi in qualifica. «Non è stato facile, è stato un bellissimo week end questo di Singapore. Daniel ha cercato di riprendermi con il suo pit-stop finale, sapevamo sarebbe stata difficile, ma è andata bene. Alla fine ho avuto problemi anche con il traffico, ma è andata bene. La macchina è stata al limite con i freni, è sempre così a Singapore. Non penso ai punti al momento, sono contento della vittoria. Fino all’ultimo giro sapevo che bastava concentrarmi su di me e fare buoni giri. Dopo la sosta di Ricciardo ho pensato che non ce l’avrei fatto, mi avevano detto che mi avrebbe ripreso. Sono avanti 8 punti, ma non vuol dire niente, penso gara per gara: venire a Singapore e vincere, adesso la prossima».

    GP Singapore, Rosberg vince resistendo alla rimonta di Ricciardo | I dubbi di Raikkonen: “Forse si poteva cambiare qualcosa”

    E la prossima sarà Sepang, Malesia. Dovrà tornare necessariamente al consueto stato di forma Lewis Hamilton. In difficoltà costante a Marina Bay, come ammette lui stesso: «Congratulazioni a Nico che ha guidato in modo fantastico per tutto il week end e ha meritato la vittoria. E’ stato un week end difficile per me, ma sono riuscito ad arrivare a podio. Ho avuto problemi con i freni, dovevo rallentare, vedere gli altri che andavano via e cercare di capire come recuperare». Nel mondiale deve inseguire nuovamente, altro scenario rispetto al 2015: «E’ una situazione un po’ diversa rispetto all’anno scorso, darò tutto, sono ancora in battaglia e darò tutto. Di sicuro è stato un dei week end più difficili a livello di prestazioni. Sono arrivato qui cercando di vincere, Nico però ha fatto un lavoro fantastico e io non sono stato all’altezza. I punti che ha conquistato in questo week end li ha meritati, ora devo lavorare sodo e andare a recuperare».