GP Spagna F1 2014, Hamilton vince e va in testa al mondiale. Ferrari doppiata [FOTO e VIDEO]

Il Gran premio di Spagna 2014 sorride a Lewis Hamilton, che ottiene la prima affermazione in carriera al Montmelo e va in testa al mondiale

da , il

    Riesce dove finora aveva fallito, Lewis Hamilton. Vince il Gran premio di Spagna 2014 dopo una gara condotta in testa sin dall’avvio. Ha dovuto controllare il ritorno di Nico Rosberg, mai domo e secondo ad appena 6 decimi di ritardo. Ha provato a variare la strategia con le gomme, ma non ha potuto far nulla se non mettere pressione sul compagno di squadra. Sale sul podio, in terza posizione, Daniel Ricciardo. Dopo una partenza negativa, con super-Bottas fiondatosi dietro alle Mercedes, l’australiano è riuscito con la velocità della RB10 ad assicurarsi il podio. Alle sue spalle, autore di una rimonta importante, c’è Sebastian Vettel: partito 15mo, con una strategia a 3 soste, ha passato le Ferrari e la Williams nelle battute finali.

    Quelle Ferrari che chiudono al sesto posto con Alonso (3 stop) e al settimo, doppiato, con Raikkonen (2 cambi gomme per lui). C’è poco da fare, se non prendere atto dell’inferiorità della F14 T rispetto a Red Bull e Williams. Guarda anche:

    a cura di: @fabianopolimeni

    CLASSIFICA GP SPAGNA F1 2014

    classifica gp spagna f1 2014

    66/66 – Vittoria di Hamilton! Sei decimi davanti a Rosberg. Raikkonen doppiato

    65/66 - Sette decimi tra Hamilton e Rosberg!

    64/66 – Alonso passa Raikkonen: sesto. Incrocio di traiettorie, arrivano affiancati alla curva 4 e Alonso è davanti. Vettel a sua volta passa quarto dopo l’attacco a Bottas.

    62/66 - Tre battaglie all’orizzonte. Rosberg ha 1.2 da Hamilton, Vettel 1.4 da Bottas e Alonso 4 decimi da Raikkonen. I due ferraristi sono gli ultimi piloti a pieni giri, da Grosjean (ottavo) in poi sono tutti doppiati

    59/66 - Hamilton accusa del graining sull’anteriore sinistra e il vantaggio su Rosberg è diminuito ora a 9 decimi. Alonso è a 6 decimi da Raikkonen e ha le gomme medie. I giri velocissimi di Hamilton con le dure potrebbero adesso costargli la gara, perché Rosberg gli recupera un altro mezzo secondo.

    57/66 – Occhio a Rosberg, il distacco è sceso a 1.8. Vettel passa anche Raikkonen e si prende la quinta posizione. Staccatona alla curva La Caixa, e se ne va con le gomme migliori.

    56/66 - Bella rimonta di strategia per Vettel. Hamilton risponde ai tempi di Rosberg e mantiene il gap. Giro record di Vettel: 1.28.918

    54/66 - Vettel fa l’ultima sosta e ritorna in pista settimo davanti a Grosjean: ottima gara ugualmente per il campione del mondo. Se Alonso non si fermerà, allora in Ferrari avranno tardato eccessivamente per richiamare dentro Raikkonen. Ma lo spagnolo si ferma adesso e viene superato da Bottas, Raikkonen e anche Vettel!

    52/66 - Ci siamo: Rosberg è a 2.1 da Hamilton, ancora una volta 8 decimi e giro record per Nico con 1.29.236

    51/66 - Rosberg ancora più veloce di 6 decimi: 3.1 da Hamilton. Alonso recupera terreno su Ricciardo, si trova a 7.4 ma le sue gomme dure hanno 14 giri contro i 6 della Red Bull.

    49/66 - Rosberg ruba 1 secondo a Hamilton: ci prova il tedesco, ma risponde Hamilton il giro dopo con 1.29.759. A sua volta Rosberg continua a spingere e fa 1.29.79

    47/66 – Terza sosta per Massa. Questa la situazione dopo l’ennesima tornata di pit-stop: Hamilton ha 4.6 su Rosberg, che è l’unico insieme a Vettel ad avere le medie nei primi dieci. Ricciardo si trova a 40″ da Hamilton in terza posizione e gira sul 1.30.1, stesso crono dei primi due. Alonso (30.6) è quarto a 47 secondi dal leader. Vettel ha 48.8 con le medie, Bottas 56.2 con le dure, davanti a Raikkonen (+63.3), Grosjean, Hulkenberg e Perez.

    46/66 – Ricciardo e Bottas anche loro al pit, un giro fa si era fermato Rosberg. Alonso se riuscirà ad andare fino al traguardo senza perdere troppo avrà guadagnato sia su Bottas che Raikkonen. Al momento: HAM, ROS, RIC, ALO, VET, BOT, RAI, MAS, GRO, HUL

    44/66 - Rosberg dice ai box che sta perdendo tempo con il graining, evidente “scusa” perché sa di dover rientrare e cambiare gomme per non perdere tempo da Hamilton. Raikkonen rientra i box per il cambio gomme.

    43/66 - Hamilton richiamato ai box per il cambio gomme.

    41/66 - Stiamo per entrare nell’ultimo terzo di gara. Hamilton mantiene sempre 3.7 di vantaggio su Rosberg, ma con gomme differenti tra i due (dure per Nico). Ricciardo è tranquillo in terza posizione, mentre Bottas, quarto, deve gestire i 7 secondi di vantaggio su Raikkonen: girano entrambi lentamente sul 32.5. Più veloce Alonso, che va con 30.4 a 15 secondi da Raikkonen. Vettel è alle spalle di Alonso, settimo, mentre Massa, Magnussen e Grosjean chiudono la top ten.

    38/66 – Vettel supera Massa ed è settimo, a 2.1 da Alonso ma potrebbe fermarsi per una terza sosta, che non dovrebbe invece fare Alonso.

    37/66 - Giro record di Vettel, 1.29.9; Alonso riesce a tenere la posizione su Massa.

    36/66 – Alonso si ferma ai box per il cambio gomme (gomme dure), seguito da Hulkenberg e Button il giro seguente

    34/66 - Vettel si ferma per la seconda volta e ritorna in pista 13mo, davanti a Grosjean. Rosberg recupera mezzo secondo su Hamilton, è a 3.7.

    Gara difficile per Vettel, bravo a recuperare e adesso ottavo. Il finale potrebbe sorridergli, con le medie quando gli altri avranno le dure. Non si prospettano battaglie all’orizzonte, tutti piuttosto distanziati. Alonso ha 1.3 da Raikkonen e Perez 1.2 da Hulkenberg.

    32/66 - Giro record di Rosberg: 1.30.7, 4.1 da Hamilton. Il gap dei ferraristi è di 44 secondi per Raikkonen, 46 Alonso… Ricciardo è a 18 secondi.

    30/66 - Massa ai box, seconda sosta per lui. Rosberg fa un giro lento e passa a 4.5.

    HAM, ROS, RIC, BOT, RAI, ALO, GRO, VET, HUL, PER sono i primi dieci in classifica

    Bottas risponde ai tempi di Raikkonen e Alonso, sono in bagarre e girano tra 1.31.9 (Bottas) e 1.32.2 (Raikkonen). Hamilton lamenta del sovrasterzo e non prende il largo su Rosberg, che ha adesso le dure e si trova a 3.7 dal compagno di team. Ricciardo fa gara solitaria: terzo, con 20 secondi da Rosberg e 12 di vantaggio su Bottas.

    28/66 – Va forte Raikkonen, che l’ultimo passaggio ha girato a 1 decimo da Hamilton: 1.31.9. Ritiro di Vergne, rottura dello scarico. Massa e Vettel si candidano per passare Grosjean, recuperano bene. Tra Raikkonen e Alonso ci sono 2.5.

    25/66 - Raikkonen ha ripreso Grosjean e lo attacca in fondo al dritto, all’esterno di curva 1. Resiste Romain, bella lotta. E’ comunque in difficoltà la Lotus e Kimi riesce a passare facile sempre in fondo al rettilineo. Alonso lo mette adesso nel mirino. Lungo di Grosjean a La Caixa, ma Fernando non ce la fa ad approfittarne, riesce la manovra con il Drs sul rettilineo. Raikkonen quinto, Alonso sesto.

    23/66 – Giro monstre di Hamilton: 1.30.8. Attenzione a Vettel che può giocare lo scherzo a diversi piloti che gli sono davanti. Sta girando più veloce di Massa, Alonso e Grosjean e va ad accordarsi al treno. Masa con 30.9 kg consumati è il pilota che ha usato meno benzina finora. Rosberg, Grosjean e Vettel quellicon più carburante consumato, circa 33.3 kg.

    + CLASSIFICA AL 22mo GIRO ++

    HAM, ROS + 3.7, RIC +36.2, BOT +48.5, GRO +50.9, RAI +52.6, ALO +54.2, MAS +55.4, VET +57.0, HUL +58

    21/66 - Ai box Rosberg, torna in testa Hamilton. Ma Nico monta le dure.

    Vettel è risalito in nona posizione e ha gomme dure, unico tra i primi dieci.

    20/66 - Scendono i tempi di tutti i piloti con gomme nuove. Bottas perde tantissimo e il terzo posto rischia di sfumare in proiezione. Hamilton giro record: 1.31.214. Rientra adesso Bottas, mentre Rosberg ancora sta fuori e fa 1.31.8

    19/66 – Hamilton è il primo a fermarsi in casa Mercedes. L’unico che sembra avere una strategia diversa, decisamente su due soste, è Bottas, ancora in pista e con tempi sul 33.5. Ricciardo gli recupera 1.6 al giro, ma ad esempio Magnussen, Alonso e Massa sono sul 33.9. Veloce Grosjean, 32.9. E’ battaglia tra i ferraristi, Raikkonen però mantiene la posizione su Alonso e dopo la prima girandola di cambi gomme non è cambiato granché.

    18/66 - Massa ha anticipato di un giro Alonso con il pit, vedremo se si avvantaggerà sul ferrarista. Adesso tocca a Raikkonen e Hulkenberg cambiare le gomme. Alonso resta davanti alla Williams.

    16/66 - Ricciardo rientra al nono posto, dietro Kvyat. Giro veloce di Rosberg, che recupera terreno su Hamilton e torna sotto i 2 secondi: 1.7. Bottas è a 22.0, Raikkonen 30.5, mentre Grosjean va ai box per cambiare le gomme, così come Alonso.

    Richiamato ai box anche Ricciardo, anche lui perdeva tempo dietro Bottas. Ma vedremo dove rientrerà, se non troverà del traffico.

    14/66 - Ricciardo di fa sotto nuovamente ed è a 6 decimi da Bottas. Vettel lotta con Button, mentre Kvyat è andato via e può recuperare Perez (10mo), distante 2.4

    Vettel ai box, cambio gomme anticipato per non perdere troppo tempo dietro a Button.

    13/66 – Raikkonen emblematico: non ho trazione, problemi alle gomme posteriori. Due soste, con questi presupposti, sono impensabili.

    12/66 - Alonso è l’unico tra i primi 10 a restare a un distacco inferiore al secondo: 7 decimi da Raikkonen. Cosa fare? Lasciarlo passare? I tempi sono allineati e non c’è motivo di dare strada. Rosberg ha 2.6 di distacco da Hamilton, cresce lentamente il gap.

    10/66 - L’unico sorpasso per ora lo fa Kvyat, 11mo dopo aver superato Gutierrez all’esterno della curva 3. Maldonado penalizzato con uno stop&go di 5″ per il contatto con la Caterham in avvio. Al pit, dovrà fermarsi 5 secondi in più. Vettel è 13mo alle spalle di Button, tutti hanno passato la Sauber di Gutierrez.

    8/66 - Non c’è nessuno in grado di tentare davvero l’attacco. Bottas si difende, anche perché la Williams è veloce sul dritto. Ricciardo attacca in curva 1, ma non ce la fa a passare. Via radio gli hanno già detto di non distruggere le gomme e di prendere gap se non dovesse riuscire a passare. I due davanti vanno con tempi fotocopia: 1.31.991

    HAM, ROS +1.9, BOT +9.7, RIC +10.1, GRO +11.8, RAI 13.1, ALO +13.8, MAS +14.6, HUL +17.1, PER +18.3

    6/66 - Ricciardo deve liberarsi della Williams, perché stanno girando sul 33.2, ovvero, 1.3 più lenti di Hamilton. Tutti gli altri, fino a Hulkenberg – nono -, stanno su 33.5

    5/66 – Hamilton giro record: 1.31.9, Rosberg non lo molla e resta a 2 secondi. Via radio gli comunicano di portare più velocità nella curva 4. Ricciardo può aprire il Drs con Bottas a 6 decimi, così come il quartetto Grosjean-Raikkonen-Alonso-Massa, racchiusi in 2.3

    2/66 - Gruppo sgranato, Vettel è 14mo. In testa Hamilton detta il ritmo e fa il record nel T1. Grandissime difficoltà in trazione delle due Ferrari con il pieno di benzina: non un bel segnale. Hamilton ha 1.6 di vantaggio su Rosberg, poi a 4.1 Bottas, a 4.7 Ricciardo, Grosjean a 5.9 e Raikkonen a 6.8, con Alonso a 6 decimi dal finlandese. Brutta partenza di Button, mentre le due Williams sono state le più leste. Magnussen ha avuto anche un ottimo avvio, ma poi è andato largo alla chicane nel T3 e ha perso una posizione.

    1/66 - Parte il Gran premio di Spagna 2014! Scatta bene Hamilton e mantiene la prima posizione, Bottas va a insidiare Rosberg e Ricciardo è quarto, poi Grosjean e le due Ferrari. Ottimo spunto della Williams, mentre Rosberg non è riuscito ad attaccare Hamilton che già vola via.

    Raikkonen è rimasto davanti ad Alonso e dietro c’è Massa.

    14:00 – Vergne è l’unico a partire con gomme dure. Farà un primo stint lunghissimo e poi via sulle medie.

    13:58 – Mancano 2 minuti al giro di formazione

    13:48 - Il cielo su Barcellona è parzialmente nuvoloso e confermiamo il vento in direzione opposta al rettilineo di partenza. Vettel via radio: «C’è qualcosa che non sembra a posto». Cosa?

    13:45 - Pitlane chiusa. Al via ci saranno diverse mine vaganti nella top ten: Bottas e Grosjean, ma anche un Massa che vorrà sgomitare per recuperare posizioni, senza contare Alonso. Il ferrarista dovrà inventarsi qualcosa per fare poi una gara sul passo e magari 2 soste. «Sono un po’ deluso perché Ferrari, Red Bull e McLaren non hanno fatto di più. Mancano le prestazioni, le Mercedes sembrano più guidabili e il motore è il migliore. Sono gli ingegneri a dover cambiare la situazione», questo il commento di Jackie Stewart, che punta su Rosberg per la sua abilità a gestire meglio le gomme.

    13:38 – 23° C nell’aria, 37° sull’asfalto: cinque in meno rispetto alle qualifiche. In casa Lotus, per un Grosjean che stampa una gran qualifica, c’è un Maldonado a parole aggressivo con il compagno di team, ma sulla pista ha palesato prestazioni imbarazzanti: 5 volte su 5 dietro al francese in qualifica e ieri a muro in Q1.

    13:37 - Si vede sulla griglia anche Ecclestone. Il gran capo (sotto processo per corruzione; ndr) della Formula 1 ha incontrato gli organizzatori dei gran premi per discutere della sonorità delle monoposto e delle azioni da intraprendere. L’incontro è stato ufficializzato stamane con un comunicato della Fia.

    «Risolveremo il problema del suono e tutto andrà bene. Sono certo che faranno un buon lavoro [con il soundbox]. Quanto alla Ferrari, non puoi mai escluderli dalla battaglia», dice Eccelstone al microfono di Luca Filippi.

    13:35 - La pitlane è stata aperta e le monoposto iniziano a schierarsi. Ricordiamo che entro le 13:45 tutti i piloti dovranno essere sulla propria piazzola.

    Qual è il vostro pronostico per questo appuntamento spagnolo? Avremo delle sorprese o filerà tutto secondo copione?

    Griglia di partenza GP Spagna 2014

    HAMILTON

    ROSBERG

    RICCIARDO

    BOTTAS

    GROSJEAN

    RAIKKONEN

    ALONSO

    BUTTON

    MASSA

    HULKENBERG

    PEREZ

    KVYAT

    GUTIERREZ

    MAGNUSSEN

    VETTEL

    SUTIL

    CHILTON

    BIANCHI

    ERICSSON

    KOBAYASHI

    MALDONADO

    VERGNE

    13:30 – «Stiamo tutti correndo per un posto sul podio, Sebastian spingerà per provare a recuperare più posizioni possibili», dice Chris Horner.

    Oggi intanto sulla pista sembra esserci un vento sostenuto, come ieri nel corso delle libere. Ragionando di strategie, invece, la Pirelli ha operato una scelta molto conservativa, portando le stesse mescole 2013 – dure e medie -. Si tratta però di costruzioni decisamente più dure e i long run al venerdì hanno dimostrato come sia possibile puntare anche a una strategia su due soste.

    13:15 - Diciotto anni fa, nel 1996, Michael Schumacher saliva per la prima volta sul gradino più alto del podio con la Ferrari. Giornata epica, caratterizzata da una pioggia torrenziale e il tedesco che volava con la poco competitiva F196 (poi divenne F196B). In casa Ferrari hanno voluto ricordare l’anniversario e salutare Michael

    omaggio ferrari schumacher gp spagna

    13:05 - Amici appassionati di Formula 1, benvenuti su Derapate.it: sono Fabiano Polimeni e ci apprestiamo a vivere il Gran premio di Spagna. Lewis Hamilton ha due traguardi nel mirino: la prima vittoria in terra iberica e il superamento di due miti come Clark e Lauda, attualmente a quota 25 vittorie, come l’inglese.