GP Ungheria F1 2012: Alonso limita i danni ma solo su Webber e Vettel

Formula 1: la Ferrari di Fernando Alonso delude nel Gran Premio di Ungheria 2012 ma riesce a restare a galla in classifica mondiale

da , il

    GP Ungheria F1 2012: Alonso limita i danni ma solo su Webber e Vettel

    Al termine del Gran Premio di Ungheria di Formula 1 2012, la Ferrari scende dal secondo al quarto posto in classifica del mondiale costruttori. Questione di pochi punti. Ma lo scivolone è emblematico della pessima prestazione messa in pista dalle monoposto italiane. Fernando Alonso, invece, riesce ad incrementare il vantaggio su Mark Webber ed a limitare la perdita di punti su Sebastian Vettel per quel che riguarda la graduatoria dei piloti. “Webber partiva dietro di noi e volevamo che non finisse davanti in gara. Ci siamo riusciti e abbiamo limitato i danni su Vettel che è arrivato solo una posizione davanti a me. Hamilton, invece, era imprendibile per cui, viste le circostanza, è stata una domenica quasi perfetta”, ha dichiarato lo spagnolo.

    Fernando Alonso: “Abbiamo fatto i conti con la realtà”

    Che fine ha fatto la Ferrari che una settimana fa vinceva in Germania? “Oggi non ha piovuto ed abbiamo dovuto fare i conti con la realtà che in condizioni normali ci vede al di sotto dei nostri rivali – ha spiegato Fernando AlonsoLo sapevamo. Abbiamo delle idee su come migliorare e spero che nelle prossime gare riusciremo a ribaltare questa situazione. Ora dobbiamo andare in vacanza sapendo che non abbiamo la forza necessaria per vincere il mondiale ma abbiamo un buon vantaggio sui rivali come punteggio e dobbiamo amministrarlo aumentando il nostro livello della performance. Ripeto, la cosa importante è che sappiamo come muoverci e che abbiamo un tesoretto di 40 punti a nostro favore”.

    Red Bull, Vettel: “Potevamo fare molto meglio”

    Sebastian Vettel ha provato in tutti i modi a salire sul podio ma non c’è riuscito:“Eravamo più veloci del risultato finale della gara. Ho perso molto tempo all’inizio dietro a Jenson (Button, ndr). Non potevo farci nulla. Nel finale abbiamo provato qualcosa che avrebbe potuto pagare se gli altri avessero avuto problemi di gomme”, ha aggiunto facendo riferimento al pit stop extra a pochi giri dalla fine. “Ho finito davanti ad Alonso ed ho fatto vedere un ottimo ritmo di gara, dobbiamo cercare di migliorare in partenza”, ha concluso Vettel cercando di trovare una nota di ottimismo. Chi fatica a vedere qualche goccia d’acqua in un bicchiere decisamente vuoto è Mark Webber che ha perso posizioni importanti per colpa di una strategia completamente sballata:“Ho cercato di lottare e nell’insieme ho fatto una buona gara a parte l’ultimo stint. Abbiamo cambiato strategia sperando che gli altri avessero problemi con gli pneumatici e noi potessimo approfittarne ma la strategia non ha funzionato perché nessuno ha avuto un drastico calo nelle prestazioni. Quindi, ho perso tre posizioni e non sono riuscito neanche a ripassare davanti a Fernando Alonso”.