GP USA F1 2018: pagelle da Austin

Pagelle F1 2018: diamo i voti ai piloti di Formula 1 protagonisti del Gran Premio degli USA sul circuito di Austin

da , il

    GP USA F1 2018: pagelle da Austin
    GP USA F1 2018

    Pagelle dal Gran Premio degli USA 2018 di Formula 1 in arrivo da Austin! E’ il gran giorno di Kimi Raikkonen. Supera Hamilton in partenza e poi detta il ritmo. L’inglese si deve accontentare del terzo posto a causa di un pit stop in più per eccessivo degrado degli pneumatici. L’arrivo è praticamente in volata con Verstappen che non riesce ad attaccare la Ferrari numero 7 e si difende al tempo stesso con le unghie dall’assalto finale di Lewis. Kimi torna al successo dopo 5 anni e la Rossa fa festa ma deve fare i conti con l’ennesimo pasticcio di Vettel. Al primo giro si tocca con Ricciardo ed è costretto nuovamente a rimontare dall’ultima posizione. Chiude quarto davanti ad un anonimo Bottas. Completano la zona punti Hulkenberg, Sainz, Ocon, Magnussen e Perez. L’australiano della Red Bull, invece, si ritira nelle primissime fasi per un problema elettrico.

    Smaltita la sintesi della corsa, andiamo avanti con le pagelle del GP degli USA dal circuito di Austin!

    Lewis Hamilton: voto 5

    GP USA F1 2018: pagelle da Austin

    Lewis Hamilton: voto 5. Aveva la vittoria in tasca ma è troppo aggressivo con gli pneumatici e si trova alle prese con problemi di blistering che lo costringono ad un pit stop extra. Anche la tattica Mercedes che lo porta ad anticipare il primo pit stop è piuttosto discutibile. Sia lui che il team danno l’idea di peccare di arroganza. Credono che sia sempre tutto troppo facile. Stavolta stanno dietro ad una Ferrari e persino ad una Red Bull. Entrambe più intelligenti. E’ bravo solo nel finale ad evitare troppi guai nel contatto con Verstappen. In quel caso ha fatto il buon ragioniere.

    Sebastian Vettel: voto 4

    GP USA F1 2018: pagelle da Austin

    Sebastian Vettel: voto 4. Stavolta non ha colpe per l’incidente. Ricciardo doveva avere più rispetto per uno che si sta giocando il titolo mondiale all’ultima spiaggia. E’ una regola non scritta della Formula 1 che va avanti da secoli. Semmai il problema di Seb sta nel beccarsi una stupidissima penalità nelle prove libere che gli costa retrocedere dal secondo al quinto posto in griglia di partenza. Senza quella pecca, sarebbe stata un’altra storia.

    Kimi Raikkonen: voto 10

    GP USA F1 2018: pagelle da Austin

    Kimi Raikkonen: voto 10. L’ha fatta! Ce l’ha fatta. La gara perfetta di Kimi è arrivata. Stavolta è il giorno di celebrarlo senza se o ma. Senza fare il conto di quanti tentativi a vuoto ci sono stati prima di questo. Perfetto, cinico e freddo davvero. Controlla gli avversari, le gomme, la macchina tenendo il ritmo giusto in ogni circostanza.

    Valtteri Bottas: voto 3

    GP USA F1 2018: pagelle da Austin

    Valtteri Bottas: voto 3. Mentre Hamilton sgobba e dà persino troppo andando oltre la tenuta delle gomme, Bottas non approfitta della giornata pasticciata del compagno e si nasconde completamente senza essere mai protagonista.

    Max Verstappen: voto 10

    GP USA F1 2018: pagelle da Austin

    Max Verstappen: voto 10. Come Kimi, meglio di Kimi! Dall’ultima fila al secondo gradino del podio: eccolo il Verstappen che ha fatto innamorare Helmut Marko. Va oltre le più rosee aspettative. Stavolta non brilla solo in sorpassi impossibili ma è soprattutto spettacolare nella gestione della gara, della macchina, delle gomme. Dà una lezione di guida persino a sua maestà Lewis Hamilton.

    Daniel Ricciardo: senza voto

    GP USA F1 2018: pagelle da Austin

    Daniel Ricciardo: senza voto. Protagonista mancato causa ennesima rottura della Red Bull. Poteva, però, essere più intelligente nel duello ravvicinato con Vettel. Non c’era spazio per passare all’interno. Ad ogni modo, i giudici lo salvano. E chi siamo noi per giudicare oltre?