GP Usa: una passeggiata rossa?

Ferrari con un passo di un secondo al giro meglio degli avversari

da , il

    GP Usa: una passeggiata rossa?

    Ferrari con un passo di un secondo al giro meglio degli avversari.

    Cosa è successo non se lo sa spiegare nessuno. Forse lo sanno solo quelli della Ferrari.

    L’importante è che, salvo imprevisti, ci sono tutti i presupposti per vedere una corsa noiosa quasi come quella dello scorso anno.

    Schumacher potrebbe fare il navigatore solitario. Massa stavolta non dovrebbe commettere errori e guardargli le spalle e, perché no, arrivare in fondo secondo per ottenere un’altra doppietta che, però, avrebbe tutt’altro significato rispetto a quella del 2005.

    Dietro la Renault dichiara di dover limitare i danni. Di solito quando dicono così, poi tirano fuori grandi prestazioni. Senza fortuna, comunque, pare che stavolta avranno poco da dire.

    Barrichello, quarto, non rappresenta un problema. Fisichella, terzo, rischia di trovarsi anche stavolta dietro ad Alonso.

    Lo spagnolo, infatti, è quinto. Senza l’errore nell’ultimo giro avrebbe potuto fare qualcosa di più ma per lui non sarà un problema rimontare qualche posizione.

    L’unica vera variante – sorte eslcusa – resta il carico di benzina. Si è visto già in Canada la Ferrari tentare qualcosa di diverso. Chissà che stavolta non ci abbia pensato la Renault. Potrebbe non bastare.