Heikki Kovalainen, parole da McLaren:”Dopo Mika e Kimi, adesso il finlandese sono io!”

Heikki Kovalainen, parole da McLaren:”Dopo Mika e Kimi, adesso tocca a me!”

da , il

    Heikki Kovalainen, parole da McLaren:”Dopo Mika e Kimi, adesso il finlandese sono io!”

    Riproponiamo i passaggi più significativi dell’intervista ad Heikki Kovalainen comparsa sul sito ufficiale della McLaren Mercedes. Il finlandese arriva nel team di Woking dopo suoi illustri predecessori come Mika Hakkinen e Kimi Raikkonen. Saprà fare altrettanto?

    Ovviamente nessuno si aspetta da lui che riesca a vincere due titoli mondiale come Mika nel bienno 98-99. Ma sarà interessante vedere se riuscirà a lasciare un segno deciso nella storia di questo mitico team o se il suo passaggio sarà un qualcosa di più simile all’esperienza di un Coulthard qualunque. In analogia con lo scozzese, secondo le prime indiscrezioni, c’è la lunghezza del contratto.

    Come ci si sente ad essere un pilota McLaren Mercedes?

    Fantasticamentem grazie. Il team McLaren è sempre stato molto famoso in Finlandia grazie a Mika e Kimi e in particolare quando Hakkinen ha vinto qui due mondiali. Sono felicissimo di far parte di questo gruppo. C’è molto lavoro da fare e non vedo l’ora di cominciare

    Quando ci sono stati i primi contatti con la McLaren?

    Appena saputo dalla Renault che non rientravo nei loro piani ho iniziato a valutare altre opzioni. Ovviamente la McLaren era per me una grandissima opportunità e sono iniziate le trattative. Fortunatamente tutto è andato bene e ora sono qui

    Cosa sai del tuo nuovo compagno Lewis Hamilton?

    Abbiamo parlato solo in qualche occasione. Non lo conosco ancora molto bene ma sembra un bravo ragazzo.

    Ti preoccupa il fatto che Lewis sia in rapporto con la squadra dal molti anni ed abbia, quindi, un rapporto molto forte col team?

    Assolutamente no. Dal primo momento che sono entrato ho percepito subito una grande professionalità. Quello che è successo nel 2007 non credo che farà cambiare la mentalità a questa squadra e loro daranno sempre il massimo supporto ad entrambi i loro piloti. Questo è cò che mi piace.

    Quando hai visitato per la prima volta il McLaren Technology Centre e qual è la tua prima impressione?

    E’ stato solo pochi giorni fa. Prima lo avevo visto solo in fotografia e in video ma queste cose non rendono l’idea dello stupore che si prova quando si arriva qui e dell’atmosfera che qui si respira.

    Sei preoccupato per il difficile anno che si è concluso fuori dalle piste per la McLaren?

    Il mio lavoro è quello di guidare. Non credo di essere la persona più adatta per parlare di queste cose. Il mio obiettivo è guardare al futuro e fare in modo che sia competitivo con il team.

    Pensi di poter vincere il campionato del mondo nel 2008?

    Ogni pilota che entra nel mondo delle corse pensa di poterlo vincere. Io ho comunque un accordo a lungo termine con la McLaren e non ho alcuna fretta. Il mio vero obiettivo al momento è solo quello di familiarizzare con la squadra e con la nuova macchina.