Imola: rinascere dalle proprie ceneri?

da , il

    Imola:  rinascere dalle proprie ceneri?

    Settecento microcariche fatte esplodere simultaneamente.

    Alle 16.15 di domenica 19 Novembre 2006, i box dell’autodromo di Imola intitolato ad Enzo e Dino Ferrari sono implosi.

    Come avevamo già aniticipato nel febbraio scorso, nell’area degli attuali box sarà costruito di un’attrezzatissimo media center per la stampa, il paddock sarà ampliato, la variante bassa sarà trasformata in un rettilineo che collegherà direttamente la curva della Rivazza con la variante del Tamburello e i nuovi box sorgeranno al posto della tribuna esterna della stessa variante bassa.

    Ad assistere all’abbattimento molti curiosi, alcuni dei quali più interessati al “gran botto” della demolizione che ad altro.

    Per gli sportivi, invece, questo è stato un momento particolare e non un semplice svago all’interno di una grigia domenica-pomeriggio autunnale.

    L’esplosione rappresenta un primo passo verso la rinascita dell’autodromo sulle rive del Santerno. E quali miglior rinascita ci si poteva auspicare se non quella… dalle proprie ceneri?