Jerez 2007: Incidente di Locatelli: in coma, è ancora in rianimazione

Jerez 2007: Incidente di Locatelli: è in rianimazione

da , il

    Week end tragico per Locatelli, pilota bergamasco del team Metis Gilera, schiantandosi ieri pomeriggio contro le protezioni del circuito di Jerez nella curva adiacente al paddock.

    Brutto e per ora inspiegabile incidente, il pilota italiano da ieri, ricoverato a Cadice, ha riportato un trauma cranio-facciale con frattura di tutte le ossa che compongono e sostengono il viso (ossa nasali, mandibola, mascella, orbita e zigomo), un lieve trauma toracico e una brutta frattura esposta alla caviglia, stando a quanto si legge nel comunicato pubblicato sul sito della Clinica Mobile del dottor Claudio Costa.Guarda anche:

    Le prime indagini strumentali hanno escluso danni importanti al cervello e le numerose e gravi fratture del viso saranno operate al suo rientro in Italia dal dottor Roberto Cocchi, consulente maxillo-facciale della Clinica Mobile all’Istituto Bellaria di Bologna.

    Locatelli ha riportato anche la rifrattura della clavicola sinistra e una contusione polmonare a sinistra, ferite che dovrebbero guarire in poche settimane, mentre decisamente più preoccupante sembra la frattura-lussazione esposta della caviglia sinistra che potrebbe non guarire perfettamente.

    Pur essendo molto grave e attualmente intubato e in coma farmacologico presso il reparto di Rianimazione dell’ospedale di Cadice, umilmente e con la benevolenza degli dei pensiamo che la prossima settimana, Roberto potra’ rientrare in Italia, accompagnato dal suo angelo custode che non lo ha abbandonato dal momento dell’incidente, l’anestesista della Clinica Mobile dottor Romano Guerra“. Queste le parole del Dottor Costa che

    oggi ha tranquillizzato i tifosi del pilota bergamasco: “Le condizioni di Locatelli, dopo l’intervento alla caviglia, depongono a favore di un buon ottimismo. Siamo in attesa della Tac che verra’ probabilmente effettuata stasera o domattina. Questo e’ un segnale positivo perche’ dopo l’intervento alla caviglia non giungono segnali che inducono ad affrettare altri esami diagnostici“.

    RImangono ancora da capire le cause del cedimento della moto del pilota e il perchè dell’incidente.