Kimi Raikkonen: F1 o Rally? decisione a Giugno

Kimi Raikkonen, campione del Mondo 2007, ha dichiarato che a metà stagione deciderà se nel 2011 resterà nei rally o tornerà nella massima formula

da , il

    Kimi Raikkonen non sarà tra i protagonisti del Mondiale di Formula 1 2010, ma nonostante ciò continua a far parlare di sè.

    Dopo il passaggio ai rally con la Citroen e le accuse alla Ferrari, la quale lo avrebbe scaricato a favore di Fernando Alonso per questioni economiche legate allo sponsor spagnolo Santander, annuncia che solo a metà 2010 deciderà il da farsi sul suo futuro, tenendo col fiato sospeso i propri tifosi. Un avvenire consistente in due opzioni: restare nei rally, vale a dire dedicarsi completamente al suo hobby preferito, oppure tornare nelle piste di tutto il mondo a ruote scoperte, con la possibilità inaspettata di sfidare nuovamente quel Michael Schumacher che ha rischiato di detronizzare nel 2003, perdendo il titolo per soli due punti. E di cui ha saputo raccogliere al meglio l’eredità a Maranello, trionfando all’esordio e diventando Campione del Mondo alla prima stagione.

    Dopo l’addio alla Rossa, avrebbe voluto restare in Formula 1, ma solo con la McLaren.

    Questo è stato l’ago della bilancia, poichè a Woking evidentemente non avevano la possibilità di pagare due ingaggi così alti come il suo e quello di Lewis Hamilton.

    Un Hamilton che nonostante si trovasse con una famiglia a fare il tifo per Kimi, non avrebbe voluto ripetere per nessun motivo l’esperienza burrascosa vissuta con Alonso nel 2007.

    Inoltre Withmarsh e soci gli avrebbero negato di disputare competizioni rallystiche durante la stagione, cosa che invece la Ferrari gli garantiva senza alcun problema.

    Evidentemente questo particolare non è andato giù a Ice-man, il quale, come ogni essere umano, non sarebbe stato disposto per nessun motivo al mondo a rinunciare alla propria passione.

    Chiuse le porte delle Frecce d’argento, quindi, ha deciso di prendersi un anno sabbatico lontano dalle corse.

    Ma ricordiamo che anche Mika Hakkinen a fine 2001 aveva parlato di anno sabbatico, eppure ha salutato il Circus a soli 33 anni. Tre in più di Kimi. Questo precedente potrebbe far riflettere.

    Ho sempre guardato con interesse al mondiale rally e ad un certo punto della mia carriera ho avuto la possibilità di cimentarmi in questo sport grazie alla Red Bull, Perchè non tentare? Le porte della F1 sono sempre aperte. Ho dedicato nove anni della mia vita alla F1 dove ho degli eccellenti ricordi. A metà stagione prenderò la decisione se rimanere nei rally o tornare in F1” ha dichiarato Raikkonen ad Autosprint.