Kimi Raikkonen: tutti i rischi dell’anno sabbatico

Alain Prost consiglia a Kimi Raikkonen di pensare seriamente alle conseguenze di un anno sabbatico

da , il

    Kimi Raikkonen ha ormai deciso di prendersi un anno sabbatico, lontano dalla Formula 1, in attesa di offerte migliori. Prendiamo spunto dalle parole di Alain Prost per dare un consiglio al’ex pilota Ferrari: ripensaci!

    KIMI RAIKKONEN. La nostra opinione è che Kimi Raikkonen dovrebbe restare in Formula 1 a qualunque condizione. Anche correndo gratis. Anche scendendo in pista con una vettura da metà schieramento. Le sue doti non sono in discussione e, come Alonso ha mostrato in questi anni, anche senza lottare per il titolo, il talento sa emergere. Se è davvero intenzionato a proseguire la propria carriera, quindi, Kimi Raikkonen non deve mollare. Deve restare dentro al Circus, mantenere contatti ed allenamento per prendere al volo una chiamata “come piace a lui” in ottica 2011. Allontanandosi adesso dalla Formula 1, infatti, rischia di non trovare alcuna porta aperta nel 2011 se non qualche sistemazione di ripiego che, appunto, ha già spiegato non interessargli.

    ALAIN PROST. Della nostra stessa opinione è il già citato Alain Prost. Il 4 volte iridato, oltre ad aver sempre mostrato grande lungimiranza, parla dall’alto della propria esperienza personale ed avvisa Kimi Raikkonen dei rischi ai quali sta andando incontro:Vuole correre i rally, ma e’ un po’ pigro, gli piace festeggiare e prendere qualche drink – cosa molto sbagliata secondo il pilota che si fermò nella stagione 1992 per ritornare a vincere il titolo mondiale nel 1993 – Quando ti prendi un anno sabbatico devi fare le cose molto seriamente, preparandoti fisicamente e mentalmente.” Nell’opinione di Prost, per un personaggio apparentemente demotivato come l’omino di ghiaccio , l’allontanarsi dalla F1 sarà pericoloso anche per un altro motivo:“Potrebbe essere difficile per Raikkonen convincere le persone che non si fidano molto a puntare su di lui nel 2011″. Insomma, mollare il colpo adesso, potrebbe voler dire rinunciare per sempre ad essere pilota di Formula 1. Pensaci bene, Kimi!