La Bridgestone riparte da Brno

da , il

    La Bridgestone riparte da Brno

    Grande attesa in casa Bridgestone per la prossima tappa del MotoMondiale in Repubblica Ceca. Dopo qualche settimana di pausa estiva, dove i ricercatori giapponesi hanno preparato nuove mescole ed evoluzioni per i propri pneumatici, Hiroshi Yamada, direttore tecnico della Bridgestone Motorsport, è pronto alla ripartenza convinto di ottenere una sonora rivincita su tutti le critiche piovute contro il suo team.

    “Non c’è niente di più prezioso che una pausa nella competizione; abbiamo quindi sfruttato il tempo che abbiamo avuto a nostra disposizione dopo Laguna Seca per sviluppare la nostra prossima generazione di gomme per le ultime corse della stagione,” ha precisato. In effetti abbiamo creato una nuova famiglia di componenti che debutteranno a Brno : queste gomme sono state prodotte sulla base dei risultati positivi che abbiamo ottenuto in occasione delle ultime prove che abbiamo effettuato a metà giugno; saranno alla base della nostra campagna per il resto dell’anno. Spero che, in occasione delle prossime quattro gare a Brno, Sepang, Phillip Island e Motegi, potremo proseguire sullo slancio. Si tratta di circuiti sui quali sappiamo che la Bridgestone può ottenere risultati solidi e lottare per il podio,” ha concluso Hiroshi Yamada.”

    Per questa gara in particolare si conta sul feeling che Loris Capirossi ha con il circuito e, con una Ducati competitiva come lo è stata fino ad ora, si cerca la grande impresa.

    “Uno dei migliori momenti della stagione 2005 per noi è stato il secondo posto di Loris [Capirossi] a Brno e nutro delle speranze equivalenti per il Gran Premio della Repubblica Ceca di questo weekend. Il circuito è abbastanza tecnico e possiede molte curve fluide, netti cambiamenti di livello ed una velocità media elevata sull’insieme del giro. Detto ciò, non si tratta di uno dei circuiti più difficili del calendario in termini di durata di vita della gomma o di aderenza. Invece, siamo molto attenti alla maniera in cui il pneumatico affronta le curve – in particolare quando esse sono in discesa – come anche alla trazione all’uscita delle curve.”