La Ducati bacchetta Stoner e allontana Rossi

La Ducati ammonisce il proprio pilota di punta Casey Stoner, per esser stato assente nelle tre gare cruciali del Motomondiale 2010

da , il

    Dopo l’assenza per motivi di salute e il suo imminente ritorno in pista all’Estoril, Casey Stoner potrebbe trovare un comitato di accoglienza piuttosto freddo in Portogallo. Infatti, il partner commerciale del team Ducati MotoGP non ha gradito la vacanza ingiustificata del pilota australiano.

    Se durante la villeggiatura di relax del Canguro della Desmo16, i vari Livio Suppo e Filippo Preziosi avevano dispensato parole al miele per il proprio pupillo, il noto marchio di sigarette che sponsorizza la Rossa per la sua avventura nella classe regina, ha scelto la linea pesante nei confronti di Stoner.

    Maurizio Arrivabene, responsabile corse del marchio tabaccaio che sponsorizza anche la Ferrari, dai box di Formula1 di Singapore, esprime tutta la rabbia dei dirigenti di Borgo Panigale per il comportamento del campione del Mondo Motogp 2007: “mi auguro che Stoner in Portogallo abbia la decenza di chiedere scusa alla squadra”.

    Dunque, lo sponsor principale della Ducati non ha digerito la scelta di Casey di riposarsi nel bel mezzo della delicata e combattuta stagione 2009, chiamando in causa il rispetto per quei lavoratori che, soprattutto in tempi di crisi, non si possono prendere il lusso di stare a casa per un mal di pancia.

    Con queste dichiarazioni al veleno appare evidente il malumore nei dintorni di Borgo Panigale, infatti, Arrivabene ha anche smentito un eventuale accordo per portare Valentino Rossi in Ducati, confermando Stoner in sella alla Rossa anche per il 2010.