Lewis Hamilton è più forte della McLaren?

secondo la testata inglese Times sembra che Lewis Hamilton stia per siglare alcuni contratto multimiliardari con sponsor personali come Reebok e Pepsi

da , il

    Lewis Hamilton è più forte della McLaren?

    La notizia che Hamilton stia trattando un rapporto di sponsorizzazione con la marca Reebok non è tanto interessante perché ci sono in ballo circa 15 milioni di Euro, quanto perché aiuta a far capire che tipo di relazione c’è tra lui ed il Gruppo McLaren.

    Il team di Dennis, infatti, generalmente non ha mai consentito a propri piloti di avere sponsor personali tranne in rarissime eccezioni. Una di queste risale a vent’anni fa ed è legata al nome di Ayrton Senna al quale fu permesso di portare con sé il logo della banca brasiliana Nacional.

    Apparentemente, quindi, anche Hamilton ed il padre/manager Anthony sono riusciti a fare alterttanto riuscendo ad infrangere le rigide e consolidate regole del team McLaren.

    Con questo strappo, non inedito per altri sport come il calcio (basti pensare all’esempio di David Beckham quando giocava per il Manchester United) Hamilton sembra indirizzato verso lo stesso destino di uomo-immagine-industria. In tempi non sospetti lo stesso pilota aveva fatto capire che fosse quella la direzione nella quale avrebbe voluto guardare.

    Il secondo passo, secondo il Times, sarebbe un accordo economico con la Pepsi che, sommato al successo già ottenuto dalla sua biografia, garantirebbe al pilota anglocaraibico un inizio carrera, economicamente parlando, da favola.

    La McLaren, però, deve stare attenta all’effetto “pilota più grande del team”. Sempre tornando al caso Senna, quando lui lasciò la squadra nel 1993 si creò uno sconquasso tecnico-economico tale che ci vollero ben 4 anni di lacrime, sangue e sudore prima che arrivasse un’altra vittoria, anch’essa peraltro nel segno di un altro nome forte come quello della Mercedes.