Marco Simoncelli: “Sì a Ferrari, No a Ducati”

Marco SImoncelli parla della sua stagione passata e di quella futura sulle pagine del mensile GQ di gennaio 2009, confessando un suo grande sogno, quello di guidare una Ferrari

da , il

    Entrambi dinoccolati, pieni di talento, italiani, motociclisti e con un Titolo Mondiale in tasca per il 2008.

    Il paragone tra Marco Simoncelli e Valentino Rossi è presto fatto, soprattutto grazie ai “papà”…

    Questa volta tocca a Marco e Paolo Simoncelli, intervistati dal mensile GQ in edicola questo mese.

    Dopo Graziano e Valentino Rossi, tocca adesso al Campione della classe 250cc dare voce ai suoi pensieri, ai suoi sogni, alle sue paure e ai suoi desideri per la prossima stagione.

    Capita, così, che il giovane Marco in soli due anni sia stato catapultato fino alle stelle grazie alla vittoria del Titolo Mondiale nella classe della quarto di litro e sia ora adulato anche da chi, prima, non avrebbe scommesso neppure un centesimo su di lui.

    Ora tutti lo vogliono e lo cercano. Tre mesi fa, invece, non arrivava una telefonata, ma lui era sempre lì e, soprattutto, era sempre lui – sono queste le parole di Paolo Simoncelli, il papà di Marco, da sempre vicino al figlio anche nei suoi momenti-no.

    Voltata pagina, adesso l’ ipertricotico Sic prova a pensare al futuro.

    E, se il campione italiano è stato capace a rifiutare la proposta desmodromica che lo avrebbe voluto in sella ad una moto di Borgo Panigale per la stagione MotoGP 2009, preferendo rimanere ancora un anno in classe 250cc, Marco Simoncelli si confessa.

    Ti piace guidare: Valentino Rossi prova la Ferrari, e tu?

    Prima mi devono invitare, mica posso andar lì e salire su una Formula 1“.

    Ti piacerebbe?

    Ca***, se mi piacerebbe una rossa!

    Il fatto è che di questo test con la Ferrari Marco non ha mai fatto segreto.

    Quello che, invece, è parso strano, è stata la rinuncia di Simoncelli alla Ducati MotoGP offerta da Borgo Panigale per la stagione MotoGP 2009.

    Adulato dall’ Aprilia, contattato dalla Ducati, Marco Simoncelli ha preferito evitare il “grande salto” nella classe regina e rimanere ancora un altro anno in 250cc, per un’ altra stagione di praticantato.

    Eppure, economicamente parlando, i soldi offerti dalla company bolognese avrebbero allettato e convinto a cedere chiunque.

    Marco Simoncelli, seguendo anche il consiglio che tempo fa Valentino Rossi gli aveva dato, ha preferito rimanere nella quarto di litro per un’ altra stagione.

    Quali le motivazioni?

    Tante piccole o una sola grande?

    Il “Gran Rifiuto” di Marco Simoncelli alla MotoGP, nonostante il consiglio di papà Paolo, da cosa deriva?

    E’ lo stesso Marco a rispondere: “Preferisco cominciare una gara sapendo che posso vincerla. Poi quello che mi offrono oggi, se continuo a vincere, me lo offriranno anche l’anno prossimo

    Lapidario. Deciso. Irremovibile.

    E anche (e soprattutto) così che si conquista un Titolo.