McLaren, Whitmarsh: “Hamilton si pentirà di averci lasciato”

Formula 1: il boss della McLaren Martin Whitmarsh racconta l'addio di Lewis Hamilton ed ammette che spera in un pentimento del pilota

da , il

    McLaren, Whitmarsh: “Hamilton si pentirà di averci lasciato”

    E’ avvenuto tutto molto in fretta: Lewis Hamilton ha deciso di firmare per la Mercedes lasciando la McLaren a seguito di alcune divergenze di vedute. La scuderia inglese ha ripiegato sulla giovane scommessa che risponde al nome di Sergio Perez. A distanza di un mese, sembra che Martin Whitmarsh cominci ad avere dei dubbi sul reale potenziale del messicano e, al tempo stesso, si renda conto quanto sia grave aver perso un fenomeno del calibro dell’anglocaraibico. Sul conto di Perez ammette l’azzardo e ridimensiona le aspettative parlando di un 2013 di “ambientamento”. Quanto all’ex pupillo, gli augura tutto il… peggio:“Credo che si pentirà della scelta fatta. E’ stato troppo impulsivo”, ha ammesso al sito ufficiale della Formula 1.

    Guarda anche:

    McLaren: “Hamilton non ammetterà l’errore”

    Sono parole dure quelle rilasciate dal team principal delle McLaren al sito ufficiale della Formula 1. Parlando di un probabile ripensamento tardivo da parte di Lewis Hamilton sull’opportunità di lasciare la scuderia di Woking per passare in Mercedes, Whitmarsh la vede, brutalmente, così:“Gli sarà già capitato (di pentirsi, ndr), anche se starà facendo di tutto per convincersi di aver fatto la cosa giusta. Deve in qualche modo giustificare la sua decisione. Non ammetterà di aver accettato per i soldi e di aver commesso un errore. Io spero, invece, che pensi di aver sbagliato e che resti con questa idea anche il prossimo anno”. Alla McLaren non riescono ancora a capire esattamente cosa abbia spinto il loro pilota a passare alla concorrenza:“In verità ancora non lo so – ha ammesso il capo del team inglese - forse ha sentito il bisogno di lasciare il suo “nido”. Io faccio fatica a capire. Mi ha comunicato la sua decisione dopo il ritiro di Singapore. Non è il massimo prendere una decisione del genere quando non si è ancora sbollita la rabbia per un ritiro”, ha fatto notare Whitmarsh.

    Whitmarsh: “Il prossimo anno vogliamo battere Hamilton”

    Che la vita stia attualmente scorrendo da separati in casa è evidente. Non appena Hamilton scenderà dalla McLaren al termine del Gran Premio del Brasile, diventerà a tutti gli effetti l’avversario numero 1. “Rispetto la sua decisione, ma credo che avrebbe fatto meglio a stare con noi. Siamo una squadra più forte e l’anno prossimo lo batteremo”, ha dichiarato Whitmarsh. Avversario ma non nemico. Il team principal di Woking ha concluso il suo intervento usando parole distensive:“Lo conosco da quando aveva 11 anni e ho lavorato con lui sin dalla sua adolescenza. So che dopo il Brasile sarà molto difficile ma ormai la decisione è stata presa. Credo che il nostro rapporto resterà molto buono”.

    McLaren ancora con Mercedes

    Girava voce nei mesi scorsi che la collaborazione tra McLaren e Mercedes fosse al capoline. Whitmarsh ha negato le indiscrezioni: “Penso che vedrete McLaren e Mercedes insieme ancora per molti anni. Abbiamo un legame forte ed una partnership solida”, ha ricordato.