Mercato piloti F1 2009: il punto

mercato piloti formula 1 verso il 2009

da , il

    Nell’ottica mercato piloti di Formula 1 annata 2009, possiamo definire questa pausa di mezz’agosto come la classica quiete prima della tempesta… in un bicchier d’acqua, però!

    Prima che lo scacchiere si muova e siano messi a segno i colpi decisivi, facciamo il punto su team e piloti.

    FERRARI. Raikkonen ha un contratto fino al 2009 e pare stia trattando un rinnovo per un biennale con opzione per terzo. Salvo clamorosi ripensamenti, quindi, il finnico si blinderà a Maranello fino al 2012. Già legato alla Rossa fino al 2010, invece, è il suo compagno di squadra Felipe Massa.

    MCLAREN. Il contratto di Hamilton scadrà nel 2012. Al di là delle date, sembra difficile immaginare il pilota anglocaraibico in un altra scuderia. Kovalainen è stato recentemente confermato per un altro anno. Sul tipo di contratto che abbia firmato resta ancora un certo mistero dato che già lo scorso anno si parlava di rapporto a lunga durata. In generale si può dire che l’attuale accoppiata sembra destinata a durare nel tempo un po’ come fu per quella Hakkinen-Coulthard.

    BMW SAUBER. Trattative avanzate per il rinnovo con Robert Kubica. Interlocutorio, invece, il rapporto con Nick Heidfeld. E’ sicuramente quello del tedesco il sedile più ambito per la prossima stagione. L’impressione è che i bavaresi vogliano tenersi almeno un teutonico in squadra e, vista la scarsità di alternative, finiranno con il confermare Nick “the Quick” almeno per un altro anno. Magari in attesa che si liberi un certo Rosberg. Per la cronaca segnaliamo, però, che qualcuno fa insistentemente il nome dell’austriaco Klien.

    RENAULT. Due facce, stesso esito. Da una parte c’è l’indecisione di Alonso, tentato da Honda e forse BMW, ma alla fine destinato a restare per un altro anno alla corte di Briatore. Dall’altra c’è l’incertezza del team nei confronti di Nelsinho Piquet. Recentemente hanno fatto slittare la decisione sul futuro del brasiliano che sembra essersi svegliato sì, ma senza comunque far vedere grandi cose se non fortunosamente. Alle sue spalle spingono Grosjean e Di Grassi. Anche qui, però, sembra che alla fine tutto resti così com’è.

    TOYOTA. Trulli è vincolato fino al 2009. Al termine di quella stagione avrà 36 anni. Timo Glock piace ed ha un non meglio specificato contratto pluriennale. Fino al 2010 non si prevedono cambiamenti ed anche per quella data l’attuale formazione piloti potrebbe essere riconfermata a meno che Jarno non pensi al ritiro.

    RED BULL. Qui i colpi ci sono già stati e, per il momento, sono stati gli unici. David Coulthard si ritira dopo 15 anni di Formula 1 e lascia il suo testimone al giovane Sebastian Vettel. Mark Webber, intanto, rinnova e prolunga ancora.

    WILLIAMS. Recentemente Nico Rosberg ha confermato la volontà di rispettare il contratto che lo lega a Grove per un altro anno. A meno che la Williams non tiri fuori una super monoposto a sorpresa, quindi, se ne andrà al termine della prossima stagione. Per il 2009 potrebbe essere confermato al suo fianco Kazuki Nakajima ma c’è anche un altro giovane pronto, prontissimo, che spinge. Trattasi di Nico Hülkenberg. Segnatevi questo nome.

    HONDA. Non sono stati ancora confermati né Button, né Barrichello. Il brasiliano, nonostante l’anzianità, avrebbe voglia di correre ancora. Il britannico è diventato ormai l’uomo simbolo del team. Entrambi, inoltre, piacciono molto a Brawn. La stasi è determinata solo da un nome: Fernando Alonso. Il corteggiamento nei confronti dello spagnolo è inesorabile e, se il due volte campione del mondo cedesse alle lusinghe giapponesi, uno tra i due titolari attuali sarebbe costretto a fare le valigie. In questo senso il nome di Barrichello è tutt’altro che scontato.

    TORO ROSSO. Vettel se n’è già andato. Sebastien Bourdais è in bilico. La dirigenza ha dimostrato anche in passato di essere molto esigente nei confronti dei propri piloti. Chi non va, se ne va. Chiedere anche a Liuzzi e Klien. Per questo il francese che non ha entusiasmato potrebbe essere fatto fuori ed a contendersi gli eventuali posti disponibili sarebbero Buemi, Senna e Pantano. Il primo è sicuramente il favorito poiché già tester ufficiale Red Bull. Gli altri due possono giocarsi come carte buone l’amicizia con Berger e l’eventuale titolo di campione della GP2 Series.

    FORCE INDIA. In attesa di confermare Sutil e Fisichella, si sono fatti anche i nomi di Liuzzi e Chandhok. Il problema del pilota di Locorotondo si chiama Fisichella: difficilmente il romano mollerà la squadra e una coppia tutta italiana è alquanto improbabile. L’indiano Chandhok, invece, sembra una scelta ancora prematura ma è del tutto plausibile che l’esordio arrivi nel 2010 proprio quando si andrà a correre il primo GP di India nella storia della Formula 1.