Mercedes F1: no al ritiro, sì al cambio di nome in AMG

Formula 1: la Mercedes potrebbe cambiare nome in AMG dal 2014

da , il

    Mercedes F1: no al ritiro, sì al cambio di nome in AMG

    In Germania continuano a raccontarci la storia della Mercedes che vuole scappare dalla Formula 1. Il punto è che l’approdo nel Circus come costruttore globale non ha mai convinto al 100% l’intera dirigenza di Stoccarda. I pessimi risultati raccolti nei primi tre anni ed i pochi spiragli di ottimismo che arrivano per le stagioni prossime, danno un grosso aiuto al partito degli scettici. L’ultima indiscrezione che rappresenterebbe un compromesso tra il restare con un impegno pieno o il ritirarsi definitivamente ed indecorosamente è il cambio di nome. Dalla stagione 2014, il team di Brackley potrebbe non chiamarsi più Mercedes ma semplicemente AMG.

    Guarda anche:

    Da Mercedes a AMG nel 2014

    Dire AMG è come dire Mercedes senza dire Mercedes. L’idea è buona. Se vinci sei la Mercedes! Punto e basta. Se perdi sei AMG, cioè un team legato alla casa di Stoccarda ma in modo meno ufficiale. Conseguenza di questo cambio di nome sarebbe anche il ritorno al comando totale della scuderia da parte di Ross Brawn con Norbert Haug a ricoprire il ruolo di responsabile dei propulsori per tutti i team riforniti come ha già fatto fino alla stagione 2009, quella precedente al debutto come costruttore globale. Tra i motivi che potrebbero spingere la casa della stella a tre punte a compiere questo mezzo passo indietro c’è anche l’affare Gerhard Gribkowsky. Non se ne è parlato molto Italia. In Germania la faccenda ha avuto più risalto. Il banchiere condannato per aver preso soldi da parte di Bernie Ecclestone all’interno dell’affare per la vendita dei diritti commerciali della Formula 1 ha, infatti, minato in modo importante l’immagine della più importante categoria dello sport a motore. Anche per questo, defilarsi non sarebbe un dramma.

    Mercedes e AMG

    Dal 2012, la dicitura AMG già compare nel nome ufficiale della scuderia. Trattasi di un’azienda fondata nel 1967 che collabora da anni con il colosso di Stoccarda. Curiosamente, il nome deriva dalle iniziali dei cognomi dei fondatori (Hans Werner Aufrecht e Erhard Melcher) con l’aggiunta della prima lettera del nome della loro citta Großaspach. Il primo successo dell’accoppiata Mercedes-AMG risale al 1971 nel corso della 24 Ore di Spa-Francorchamps. Nel 1988 i due nomi iniziano a fare coppia fissa nel Campionato turismo tedesco DTM. Nel 1993 inizia la produzione della prima vettura di serie nominata C36. Nel corso degli anni il numero di pezzi prodotti cresce e la sigla AMG diventa sinonimo del carattere sportivo delle auto Mercedes-Benz. Si tratta di elaborazioni che non toccano più di tanto l’estetica della vettura ma incidono soprattutto sulle prestazioni.