Mercedes GP: Schumacher, chi era costui?

Michael Schumacher continua a far parlare di sè

da , il

    La Mercedes GP smentisce le voci che la presenza di Michael Schumacher incomba sul resto della squadra, costringendoli a centrare da subito i massimi risultati. Certo è indubbio che dal momento in cui il sette volte campione del mondo ha annunciato il suo ritorno alle competizioni l’attenzione maggiore sia concentrata su di lui. Media e tifosi non perdono una sua mossa da quando è tornato a rivestire i panni di pilota ufficiale, questa volta per i colori della squadra di casa, e di conseguenza le aspettative nei suoi confronti per il Mondiale 2010 sono molto elevate. Ma se per noi comuni mortali il ritorno di una leggenda della F1 come Schumacher genera un’attenzione quasi morbosa, la squadra tedesca si comporta come se al volante della sua monoposto ci fosse un altro pilota qualsiasi.

    NORBERT HAUG Norbert Haug, boss di Mercedes-Benz Motorsport, ha infatti dichiarato al settimanale britannico Autosport che il team non subisce alcuna pressione per quanto riguarda l’ottenimento di buoni risultati. Tutta la squadra è concentrata sugli stessi obiettivi e lavora costantemente per mettere a punto una vettura che sia il più possibile competitiva: questa è l’unica cosa che conta e questa è la strada che stanno percorrendo, il resto si vedrà quando scatterà il semaforo verde.

    MICHAEL SCHUMACHER La presenza di Schumacher non distrae dunque ma anzi influisce positivamente sul lavoro di squadra. Haug ha inoltre ammesso che vedere Michael nuovamente in pista, dopo 20 anni dal suo debutto nella carriera da professionista con la casa tedesca, ha suscitato in lui una forte emozione.

    Nonostante i primi test di Valencia non abbiano portato subito al raggiungimento delle prestazioni desiderate (Ross Brawn ha ammesso che la vettura non è ancora sufficientemente veloce), siamo certi che “Kaiser Schumacher” non vorrà deludere nessuno e ci metterà come sempre tutto se stesso…questa volta non può nemmeno dire che comunicare con il team sia complicato…