La Mercedes sta rifacendo il motore!

da , il

    La Mercedes sta rifacendo il motore!

    Incredibile ma vero. Alla McLaren sono talmente nei guai che hanno intenzione di provare un nuovo motore più potente del precedente. Nonostante l’attuale propulsore sia stato appena montato, una scelta così avventata è necessaria dato che è proprio il V8 Mercedes il primo indiziato tra i vari problemi della nuova macchina.

    Kimi Raikkonen si era lamentato subito dopo la prima giornata di prove. Alla Mercedes sono corsi ai ripari realizzando un aggiornamento con 60 cavalli in più. Non è dato sapere quanto ne soffrirà la già precaria affidabilità. Ma a quanto pare questo azzardo è stato ritenuto il male minore rispetto alla grave mancanza di prestazione.

    Tutt’altro che confortanti sono le dichiarazione di Norbert Haug. Per tranquillizzare l’ambiente si è detto sicuro che le cose andranno a posto «come lo scorso anno».

    Non vogliamo essere cattivi ma citare lo scorso anno come esempio di cose andate nel verso giusto non è il massimo per motivare la squadra e rassicurare i tifosi.

    Forse Haug intendeva dire che lo scorso anno sono riusciti a tirare fuori una macchina competitiva. Osserviamo con una punta di cinismo che, per definire un annata condizionata dai problemi tecnici “positiva”, ci vuole del coraggio. Un annata trall’altro nella quale non è stato vinto niente nonostante si meritassero pure loro qualcosa come un titolo costruttori, ad esempio.

    Ecco, forse il direttore di Mercedes Motorsport intendeva sottolineare che ritrovare quel tipo di prestazione è alla loro portata. Ci chiediamo, a quali costi in termini di affidabilità però?

    Se nel 2005, preso come esempio di stagione positiva, hanno rotto in continuazione. Cosa succederà nel 2006 dove dovranno osare ancora di più?

    Peraltro senza avere la certezza di raggiungere quell’eccellente livello di prestazioni.

    Una bella gatta da pelare per la McLaren Mercedes.

    In attesa di tempi migliori siamo comunque sicuri che venderanno cara la pelle e riusciranno ad essere lì, tra i primi, anche quest’anno.