Motegi: Loris, Mr Perfezione

Motegi: Loris, Mr Perfezione!

da , il

    Motegi: Loris, Mr Perfezione

    Si accendono i motori sul circuito giapponese di Motegi, terzultima tappa della stagione MotoMondiale 2006 che vede, a questo punto dela campionato, quattro piloti racchiusi in un fazzoletto di punti.

    Incertezza massima sul vincitore e lo spettacolo ringrazia.

    Si spengono i semafori e si accende il rosso Ducati sulla pista di Motegi. Al via, 21 piloti pronti a correre ventiquattro tornatei di adrenalina pura, alla ricerca di qualche punto per salvare stagione, carriera e risultati, ma sarà il Ducatista italiano a trionfare.

    Non parte benissimo Valentino che da secondo si ritrova in quarta posizione, sorpassato da Capirossi con equipaggiamento missilistico al seguito, poi Melandri e ancora Gibernau.

    Basteranno pochi metri a Rossi per fagocitare lo spagnolo, cosa ben più dura, invece, dettar legge sui primi due.

    Hayden, dalle retrovie, non fa pervenire notizie di sè fino agli ultimi giri di gara.

    Gara appassionante, con “i soliti tre” italiani a dare spettacolo. Questo fine stagione di MotoMondiale si sta trasformando sempre più in una sorta di Mugello ripetuto, dove l’unica cosa che muta sono i piazzamenti dei tre piloti del BelPaese.

    Il Duello Capirossi-Melandri si protrae con lo stesso brillante smalto fino a dieci giri dalla fine quando si sveglia dal suo lungo torpore Rossi, stabilizzandosi in seconda posizione.

    Da quel momento in poi le posizioni rimarranno invariate fino alla fine, vittoria meritatissima al ducatista Loris Capirossi, 20 punti a Valentino, 16 a Melandri e solo quinta posizione (aiutato da un pizzico di fortuna ) Nicky Hayden.

    Il pilota americano, infatti, in sesta posizione nell’ultimo giro, viene agevolato da un contatto tra due piloti che si trovavano davanti a lui, Gibernau e Nakano, dove Nakano, bravissimo fino a quel punto, ne ha la peggio e cade proprio a pochissime centinaia di metri dalla fine.

    Un vero peccato vista la gara del pilota giapponese.

    Classifica da rivedere quindi, con le posizioni di testa sostanzialmente invariate (Pedrosa, però, saluta probabilmente la corsa al titolo), ma con le distanze drasticamente accorciate. Valentino a -12 punti da Hayden, subito dopo Marco Melandri, poi Capirossi a brevissima distanza.

    Questi i risultati.

    1. 65 L.Capirossi DUCATI 43’13.585

    2. 46 V.Rossi YAMAHA 5.088 5.088

    3. 33 M.Melandri HONDA 8.378 8.378

    4. 15 S.Gibernau DUCATI 9.712 9.712

    5. 69 N.Hayden HONDA 11.944 11.944

    6. 24 T.Elias HONDA 18.108 18.108

    7. 26 D.Pedrosa HONDA 19.937 19.937

    8. 5 C.Edwards YAMAHA 22.492 22.492

    9. 10 K.Roberts Jr KR211V 26.824 26.824

    10. 6 M.Tamada HONDA 30.970 30.970

    11. 71 C.Vermeulen SUZUKI 39.263 39.263

    12. 21 J.Hopkins SUZUKI 39.440 39.440

    13. 64 K.AkiyoshiI SUZUKI 45.595 45.595

    14. 7 C.Checa YAMAHA 49.571 49.571

    15. 77 J.Ellison YAMAHA 1’09.085 1’09.085

    16. 66 A.Hofmann DUCATI 1’11.748 1’11.748