MotoGP 2008: largo ai giovani?

da , il

    MotoGP 2008: largo ai giovani?

    Doveva essere già questa una stagione “ringiovanita”. Con il ritiro di Sete Gibernau e un Biaggi non intenzionato a tornare in sella alle nuove 800, sembrava che la sifda si sarebbe concentrata su soli 3 piloti, due dei quali under 21 o giù di lì, con Valentino più grande di età ma non di spirito, a fare l’eterno Peter Pan in mezzo al duo di “giovincelli”.

    In un certo senso le cose sono andate così anche se Pedrosa, nonostante una moto cucitagli addosso, non è stato ancora in grado di accendere un sano duello con qualcuno della triade di cui sopra, e anzi ha lasciato che Hopkins (grande rispetto a Casey e Dani, ma non grandissimo!) si inserisse agevolmente nella corsa alle posizioni che contano.

    Sfumata la stagione 2007 che, Valentino a parte, contava di avere un generale “ringiovanimento” dei piloti in corsa per il titolo, ecco che già si pensa al prossimo anno. E qui i commenti si sprecano, le proiezioni la fanno da padrone e le ipotesi nascono in quantità industriale.

    Tra le cose certe, il passaggio di Jorge Lorenzo (che proprio non tollera Valentino…) nella classe regina, pilota curato e galvanizzato che porterà di sicuro una ventata di cambiamento nelle 800cc targate 2008.

    Del resto il pilotino spagnolo ha poca voglia di scherzare e punta dritto al risultato, esattamente come sta facendo in questa stagione. Giunto infatti alla sua sesta vittoria 2007 conquistata sul circuito di Assen, Jorge ha dichiarato a fine gara: “ De Angelis? vale Dovizioso. Oggi è stata durissima. Ho dovuto guidare al limite dall’inizio alla fine per vincere. E questo per colpa di Alex. E’ stato molto veloce. Credo davvero che De Angelis sia al livello di Andrea. Proprio per questo penso che sara` difficile vincere il Mondiale”.

    Già, perchè se si aggiunge anche Dovi e Alex alla bagarre di coloro che saliranno in MotoGP… altro che elisir di giovinezza per le cariatidi.

    Che arrivi presto questo 2008!