Motogp 2009: la Honda lascia anche le moto?

l'annuncio dell'abbandono del campionato di Formula 1 da parte della Honda ha creato scalpore e soprattutto tante preoccupazione anche per tutti i protagonisti di tutte le altre competizioni in cui gareggiava la casa di Tokio

da , il

    La notizia roboante dell’addio alla Formula 1 della Honda fa tremare non solo l’ambiente delle quattro ruote ma anche quello della Motogp. Non e’ ancora trapelato niente ma sicuramente tra qualche giorno arriveranno le rassicurazioni dai vertici di Tokyo per la continuazione dell’impegno giapponese in Motogp.

    Le similitudini tra la Formula 1 e la Motogp sono tante e il problema dell’aumento dei costi di gestione in crescita continua e’ comune a entrambe le strutture. Entrambe sono la massima espressione della tecnolgia motoristica applicata alle competizioni ed entrambe hanno il problema di mantenere un livello di spettacolo e di competizione al top senza ridurre le gare ad un passerella del campione di turno.

    Pero’ e’ importante non fare di tutta l’erba un fascio. Il peso di Honda all’interno della Motogp non e’ paragonabile a quello nella Formula 1. Nelle quattro ruote la casa di Tokyo ha vinto tanto, ma mai come nelle moto: la storia del motomondiale e’ anche la storia della Honda. Senza di lei probabilmente il campionato non si svolgerebbe neanche.

    Ora la palla passa a Carmelo Ezpeleta che non dovra’ sottovalutare quello che sta succedendo in Formula 1 perche’ in futuro potrebbe toccare alla Dorna fare i conti con gli addii dei team che sostengono spese enormi per far parte del circus. Gia’ l’introduzione della monogomma sara’ d’aiuto per ridurre i costi, ma ci vorrebbe qualcosa di piu’ per non far fuggire i grandi produttori.

    La Honda e’ la prima produttirce di moto del mondo con budget e investimenti faraonici. Se abbandona lei, cosa dovrebbe fare la Ducati che neanche in 10 anni di produzione fa i numeri della casa giapponese?