MotoGP 2010: John Hopkins nel team FB Corse?

Lo statunitense John Hopkins potrebbe essere il pilota della FB Corse, la nuova scuderia italiana pronta a debuttare nel campionato MotoGP 2010, tornando alla classe regina dopo una deludente stagione in Superbike

da , il

    Lo statunitense John Hopkins potrebbe essere il pilota della FB Corse, la nuova scuderia italiana pronta a debuttare nel campionato MotoGP 2010, tornando così alla classe regina dopo una deludente stagione in Superbike.

    Nel 2010 a due ruote potrebbe esserci una novità tricolore: FB Corse è un team triestino pronto ad avviare un nuovo progetto motociclistico e a correre il motomondiale sia in MotoGP che nella nuova Moto 2 (con in sella, a sentire le indiscrezioni, Simone Grotzkyj Giorgi).

    Progetto ambizioso (sul sito del team si legge: “La classe regina della due ruote si appresta a raccogliere una nuova, avvincente sfida: l’ingresso fra le migliori case costruttrici ed i migliori piloti di una nuova protagonista, frutto di uno spirito imprenditoriale e di una passione tutta italiana”) che sembra intenzionato a puntare sull’esperienza di un “veterano” come John Hopkins, che a soli 26 anni ha corso più di cento gare nella classe regina prima di approdare (e stentare) nella Superbike.

    Ma “black jak” è anche talento e guida spettacolare: insomma, un acquisto di primo piano che, se la notizia venisse confermata, proietterebbe la FB Corse tra quelle squadre da tenere d’occhio.

    Ma tenendo conto che si erano già fatti altri nomi per le moto della squadra triestina (Niccolò Canepa o Alex de Angelis) è chiaro che bisogna adottare la politica del “ci credo quando lo vedo”…

    La FB Corse – che probabilmente verrà presentata ufficialmente all’EICMA di Milano – ancora non ha deciso quando far scendere in pista la propria moto, progettata dalla Oral Engineering Group. Era previsto a Valencia per l’ultima gara della stagione, ma l’ipotesi è stata accantonata e ora si pensa di testare il mezzo a Novembre a Vallelunga per mezzo di una deroga alle stringenti normative che regolano i test invernali.