MotoGP Aragon 2013: i commenti dei piloti dopo la gara [FOTO]

I commenti dei top rider della MotoGP dopo la gara di Aragon

da , il

    Il Gran Premio di Aragon 2013 vede il sesto trionfo stagionale di Marc Marquez al suo esordio in classe MotoGP. Gara che vede l’importante esclusione di Dani Pedrosa nel corso del sesto giro; il pilota festeggia il suo compleanno nel peggiore dei modi a causa di una caduta in seguito ad un high side, ma il suo compagno di squadra ammette di aver avuto un contatto con lui nell’attimo precedente alla caduta. GP che viene quindi alimentato da un po’ di polemica in casa Honda. Con questa 0 rimediato, Pedrosa perde così ogni possibilità di reinserirsi per la lotta al titolo mondiale. Dall’altro fronte spagnolo, Jorge Lorenzo cerca di approfittare il più possibile dell’episodio, ma ci riuscirà solo in parte perché dovrà poi arrendersi alla netta superiorità di Marquez e Honda su questa pista. Gara un po’ da pronostico per Valentino Rossi che riesce a conquistare un podio dopo qualche spauracchio rappresentato da Bautista e Bradl. Leggiamo pertanto i commenti lasciati dai top rider dopo la gara.

    Guarda anche:

    La serie di commenti parte dal vincitore del GP di Aragon: Marc Marquez. Il giovane pilota spagnolo entra leggermente in collisione con il compagno di squadra nel corso del sesto giro, ma andrà largo riuscendo ad evitarlo. Continuerà la sua gara e recupererà tutto il distacco da Lorenzo e conquisterà la sua sesta vittoria stagionale: “Non so dire con precisione dove ho toccato la moto di Pedrosa, ma penso di averlo leggermente urtato con il braccio. Di sicuro con il braccio ho toccato la ruota, ma non so cosa abbia toccato il sensore perché è una cosa alquanto strana. Io pensavo che sarei andato lungo e quindi ho preferito raddrizzare la moto per evitare di entrare in contatto con Dani. Non so cosa sia successo esattamente e sono dispiaciuto, ma ciò che importa è che Pedrosai stia bene. Penso di aver avuto fortuna, ma purtroppo Dani ne ha pagato maggiormente le conseguenze perché è molto strano che si sia rotto un cavo per una leggera collisione come questa. Questa vittoria è molto importante, ma non mi sento ancora al sicuro anche se sono sempre in testa. Portiamo a casa 25 punti, ma è una cosa che fa bene sopratutto al nostro morale visto che Lorenzo nelle ultime due gare è stato più forte di noi. Sarà ancora dura, credo che troveremo la pioggia almeno in una delle 4 gare che ci aspettano. Il mio obiettivo comunque è di mantenermi ancora a questo livello.”

    Jorge Lorenzo cerca di ripetere l’impresa messa in atto sia a Silverstone che a Misano, ma questa si vede costretto a sventolare bandiera bianca davanti alla superiorità di Marquez e Honda: “E’ stato un vero peccato, ma nel finale Marquez andava davvero forte e non ce l’ho più fatta a seguirlo. Nel finale ha accumulato troppo vantaggio nei miei confronti e quindi la vittoria mi è sfuggita. La mia scelta sulle gomme è stata giusta, ma oggi Marquez era troppo forte. Stiamo lavorando molto, abbiamo migliorato la moto dopo il test di Misano, ma a quanto pare per competere con Honda non basta. Mi dispiace per la caduta di Dani; non ho visto le immagini, ma devo ammettere che è molto sfortunato come lo è stato anche negli anni passati. Spero che ritorni presto e sono sicuro che sarà forte come sempre. Ora Mancano solo quattro gare e tutto può succedere; finché il titolo sarà ancora matematicamente possibile noi non ci arrenderemo, ma dobbiamo lavorare molto perché non riesco più a scappare come prima, quindi dobbiamo mettere in atto altre strategie.”

    Valentino Rossi chiude il GP sul gradino più basso del podio dopo una gara passata a dover domare un gruppetto di tre piloti privati che nel finale daranno vita ad una bella lotta per la conquista del podio: “Non posso essere deluso perché un podio non è mai un risultato negativo, ma visto come ero andato in prova e in qualifica mi sarei aspettato di poter restare più vicino ai piloti veloci. Io e Pedrosa abbiamo scelto entrambi la gomma dura, mentre Lorenzo e Marquez hanno optato per la morbida. Io non ero sicuro perché con la morbida non mi trovavo bene e quindi pensavo di aver fatto la scelta giusta. All’inizio sembrava che ci avessi azzeccato, perchè riuscivo a stare con loro, poi sfortunatamente Dani è caduto e per evitarlo ho perso terreno. Avrei comunque faticato a tenere il loro passo, la gomma morbida si è rivelata la scelta più giusta. Dopo metà gara comunque ho cominciato a sentire i problemi con il grip e loro andavano troppo forte per me.”

    Motomondiale ad Aragon, prove libere del venerdì

    Dichiarazioni importanti arrivano da Dani Pedrosa. Il pilota Honda perde la possibilità di conquistare la vittoria a causa di un contatto di gara con il suo compagno di squadra: “Marc guida molto al limite quando ha dei piloti davanti, mi ha toccato e mi ha rotto il sensore del controllo di trazione e per questo sono caduto. In questo caso la verità è che Marc anche in passato ha sempre guidato molto aggressivamente e a volte in maniera pericolosa. Sia io che Lorenzo sappiamo correre aggressivamente, ma non sempre tutto è lecito. Per fortuna sto bene fisicamente. Ho preso un colpo pesante sul fianco e nella zona dell’inguine, ma sono riuscito ad uscire quasi illeso da quella che è stata una brutta caduta. Marc è andato troppo largo in entrata di curva. I miei meccanici mi hanno detto più tardi che il cavo del controllo della trazione era stato danneggiato dal contatto.”