MotoGP Brno. Parla la Yamaha dopo la Caporetto Ceca.

MotoGP Brno

da , il

    MotoGP Brno. Parla la Yamaha dopo la Caporetto Ceca.

    Si, sono ben lontani i tempi di questi sorrisi.

    A 6 gare dall’assegnazione del titolo mondiale (anche se, ormai, è già praticamente assegnato..), la Yamaha parla del flop di Brno.

    Valentino Rossi: “Ci aspettavamo una gara difficile perché dopo i due primi giorni qui sapevamo di non avere un gran potenziale. È stato comunque peggio di quello che ci aspettavamo! Ho cercato di tenere un buon ritmo, ma dopo solo sette o otto giri la gomma ha cominciato a slittare molto, soprattutto sul lato destro e da quel momento non ho più potuto aprire il gas.”

    “Durante il weekend le abbiamo provate tutte per cercare di avere più trazione. Abbiamo modificato molto la messa a punto per cercare di far funzionare le gomme, ma sfortunatamente durante la gara non avevamo grip. In più, con la messa a punto che abbiamo dovuto usare, abbiamo dovuto sacrificare un po’ della nostra velocità in curva e anche questo ci ha rallentato. Oggi è stato molto difficile. All’inizio riuscivo a girare in 1’59″, ma dopo pochi giri le gomme si sono deteriorate molto e a quel punto non potevo far altro che cercare di arrivare alla fine della corsa.”

    “All’inizio è stata dura con Capirossi: in alcuni punti ero più veloce, ma non riuscivo a superarlo perché scappava via in rettilineo. Sono comunque riuscito a passarlo, ma mi è rimasto dietro e non sono riuscito a staccarlo. Ho spinto al massimo, in quel momento non ero velocissimo, ma neanche troppo lento; in seguito però le gomme sono finite e Vermeulen mi ha passato e poi anche Capirossi… Sono triste perché oggi non sono riuscito neanche a lottare con loro. Verso la fine ho dovuto spingere al limite per rimanere davanti a De Puniet e fortunatamente ci sono riuscito, ma siamo stati lontanissimi da una buona prestazione. Ho cercato di cambiare il mio stile di guida e di guidare in modo diverso per salvare la situazione, ma non c’è stato nulla da fare”.

    “Ora abbiamo un test, ma in realtà siamo messi abbastanza male: abbiamo diversi problemi da affrontare. Cercheremo di fare del nostro meglio nei prossimi due giorni di lavoro e cercheremo di trovare qualcosa di diverso per le prossime gare. Dobbiamo aspettare, vedremo che cosa riusciamo a trovare, ma sicuramente sarà molto dura. Siamo davvero in un momento molto difficile. Abbiamo ancora sei gare e dobbiamo lavorare al massimo per cercare di ottenere qualche buon risultato.”

    Colin Edwards: “Sulla carta la mia partenza non è stata male, visto che sono riuscito a guadagnare una posizione, ma in realtà c’era qualcosa che non andava. Abbiamo provato un nuovo sistema per la partenza che funziona davvero bene, ma nella tensione della griglia, ho lasciato la frizione troppo presto, il motore ha perso giri e mi sono ritrovato nella mischia. Comunque ho cominciato a spingere abbastanza forte e c’erano un paio di punti in cui sapevo di poter sorpassare. Stavo recuperando su De Puniet per cercare di passarlo: sono uscito in terza, poi ho messo la quarta e lo avevo vicino quando improvvisamente ho perso l’anteriore e mi sono trovato per terra. Non mi capitava da tanto di perdere l’anteriore così di colpo, di solito riesco a controllarlo, ma immagino che la gomma non fosse ancora a temperatura, eravamo solo al secondo giro, e ho perso il controllo. Ho fatto un errore e sono davvero deluso, adesso dobbiamo lavorare molto durante il test per poter migliorare la situazione nel GP di Misano.”

    Davide Brivio – Team Director: “Oggi è molto difficile trovare le parole giuste per descrivere la gara! È stata una gara molto difficile per Valentino e abbiamo cercato di fare del nostro meglio con quello che avevamo a disposizione. Sfortunatamente Colin è caduto; stamattina le sue sensazioni erano buone per cui è davvero un peccato. Adesso dobbiamo continuare a lavorare per migliorare il pacchetto e uscire dalla situazione in cui ci troviamo. Abbiamo due giorni di test qui e proveremo nuove parti del motore e alcune nuove gomme. Naturalmente non ci arrendiamo e nei prossimi giorni lavoreremo duramente con entrambi i piloti. Ci riproveremo a Misano.”