MotoGP Germania – Casey Stoner: Non mi piace vincere facile

Casey Stoner dispiaciuto per la caduta di Pedrosa, così anche Valentino

da , il

    Lo ha detto e ridetto a destra e a manca per tutta la giornata di ieri, Casey Stoner, a proposito della sua vittoria sul circuito tedesco della decima tappa della MotoGP 2009.

    Il pilota australiano, autore di un’ ottima gara al Sachsenring, ha speso quache parola sulla sua vittoria e sulla caduta di Daniel Pedrosa che lo ha, così, agevolato nella rincorsa al Titolo e alla testa della Classifica MotoGP 2008.

    Può non sembrare, ma la caduta di Pedrosa è stata un ago della bilancia a favore di uno o dell’ altro pilota in corsa per il Titolo.

    I 25 punti conquistati ieri da Casey Stoner che è riuscito a tenere dietro di sè un buon Valentino Rossi portano il distacco tra il pilota australiano e quello italiano ad appena 20 punti.

    Situazione recuperabilissima, dunque, in vista della conquista del Titolo.

    A fine gara, le parole di Casey sono state le seguenti: “All’inizio Pedrosa stava forse tenendo un ritmo troppo alto, ha preso troppa fiducia ed è caduto. Per me era impossibile andare come lui. Certo guadagnare punti così non mi piace, ma sono contento di quanto abbiamo fatto perché abbiamo avuto pure noi un po’ di sfortuna. Sono stato tranquillo all’inizio, nonostante Dani fosse scappato. Era importante non cadere.

    Mission Accomplished per Stoner che, a questo punto, arriva in America con tanti buoni propositi e aspettative, e in una buona condizione mentale.

    Valentino incassa.

    Il secondo posto di ieri va bene, soprattutto perchè Pedrosa non ha fatto da “terzo incomodo” togliendo via preziosi punti al pesarese, ma la Yamaha inzia a pensar seriamente al da farsi per arginare un dirompente Stoner.

    Anche Valentino si dice dispiaciuto per la caduta di Pedrosa: “Sono contento soprattutto per il campionato. Mi spiace per Dani, però adesso sono davanti, abbiamo ripreso la leadership. Io ho sbagliato ad Assen, lui qua.” e anche Valentino, come Stoner, va alla ricerca del bilanciamento della fortuna.

    Caduta a parte, il numero #46 dichiara: “Sono dovuto partire indietro, nei primi giri ho perso tanto, altrimenti potevo stare più vicino a Stoner, ma batterlo era difficile. Sono contento, ho fatto una bella gara e con gueste gomme sono riuscito a guidare con gusto anche sull’acqua. Abbiamo ottenuto il massimo possibile. Per Laguna Seca speriamo solo di partire più avanti, così faremo meno fatica. Laguna Seca non è una delle mie piste favorite, lì non ho mai vinto con la MotoGP, ma sono fiducioso, è una pista ostica ma credo che abbiamo le gomme giuste per fare bene“.

    Viene da chiedersi quanto e che cosa possa fare Valentino per difendere e/o addirittura incrementare il suo distacco da Stoner, ora che Stoner ha riaperto un Campionato mai chiuso ma che molti davano ormai per finito già dopo 8 gare…