MotoGP, GP di Andalusia: monopolio Yamaha, vince Quartararo davanti a Vinales e Rossi

Vince ancora Quartararo a Jerez con un'altra fuga. Intero podio occupato dalla Yamaha con Vinales e Rossi che torna a podio

da , il

    Quartararo in pole position a Jerez

    Lo spettacolo della MotoGP continua con il GP di Andalusia. La pista di Jerez sembra essere un’esclusiva della Yamaha, con la seconda vittoria consecutiva di Fabio Quartararo sulla Petronas, seguito da i duellanti Vinales e Rossi tornato a podio dopo 17 GP. Sfortunato Bagnaia costretto a fermarsi dopo una lunghissima fumata bianca della sua Ducati quando era secondo con un ampio vantaggio sugli inseguitori.

    Ancora Quartararo, spettacolo Rossi

    Non c’è concorrenza per Fabio Quartararo sul circuito di Jerez. Il ventenne francese è nuovamente imprendibile per tutti con una grande Yamaha. Stesso discorso per Vinales e Rossi, meno veloci del primo e alle prese con il consumo della gomma posteriore che li costringe a forti staccate per via della poca percorrenza in curva. Il caldo li tiene lontani dal vincitore, ma miete anche vittime illustri come la Petronas di Morbidelli e la Ducati Pramac di Bagnaia che inizia a fumare quando l’ex campione della Moto2 era secondo con più di 2 secondi e mezzo di vantaggio sugli inseguitori. Quarto posto per Takaaki Nakagami che riesce a tenere alti i colori della Honda dopo il forfait di Marquez. Discorso valido anche per Joan Mir, quinto, con la Suzuki. La vera sconfitta del weekend è la Ducati, con le cadute di Miller e Petrucci, oltre la rottura di Bagnaia, con il solo Dovizioso a chiudere la gara con la sesta posizione, seguito dal nono posto di Zarco e l’undicesimo di Rabat con le Avintia. Lavoro vanificato invece per la KTM che stende tre piloti su quattro con Pol Espargaro in settima posizione a tenere in pista la casa arancione. Pesante selezione del GP che concede solo a 13 piloti di arrivare al traguardo su 21 partenti.