MotoGP, Top&Flop in Andalusia. Vendetta Rossi, super Quartararo

Continua a stupire tutti il francese della Yamaha, ma la leggenda di Valentino Rossi fa ancora alzare tutti in piedi e giù il cappello

da , il

    MotoGP of Spain Free Practice

    Arrivano i risultati del secondo appuntamento della MotoGP. Il Gran Premio di Andalusia concede conferme e rivoluzioni. Ancora imprendibile Quartararo, risolve i problemi sulla moto Valentino Rossi e dimostra che a 41 anni può ancora dire la sua. Altalena Ducati che abbandona Bagnaia proprio sul più bello.

    TOP

    - Quartararo: serio, lucido, imprendibile, velocissimo, perfetto. Si candida di diritto al ruolo di protagonista per la lotta al mondiale.

    - Rossi: torna sul podio dopo 17 gare dall’ultima volta. Riesce a trovare la moto che gli piace e ci fa ancora divertire a 41 anni suonati. La leggenda non è ancora finita.

    - Nakagami: non è facile dover tenere alti i colori della Honda con Marquez e Crutchlow infortunati, ma il suo quarto posto è degno di nota.

    Leggi anche: Rossi sul podio nel GP d’Andalusia, lo sfogo del Dottore

    FLOP

    - Ducati: le moto ufficiali sono in grande difficoltà, le Pramac volano ma si rompono sul più bello, chiedere al povero “Pecco” Bagnaia. Arriveranno momenti e piste più favorevoli.

    - Miller: le Pramac sembrano poter tenere il passo delle Yamaha, ma l’australiano spinge troppo e finisce per stendersi perdendo punti preziosi in un mondiale imprevedibile.

    - Binder: firma ottimi tempi nelle qualifiche ma la gara è disastrosa. Stende il compagno Oliveira alla prima curva, poi deve ritirarsi. Errori da rookie qual è.

    Leggi anche: GP d’Andalusia, trionfo Yamaha nella seconda gara del mondiale