MotoGP, Marquez ha l’ok dei medici: lo spagnolo sarà in pista per il GP d’Andalusia

Il pilota della Honda è stato dichiarato 'fit to race' ottenendo così l'autorizzazione dai medici del circuito. Insieme a lui dichiarati idonei anche Rins e Cruthclow

da , il

    Marc Marquez ha ricevuto l'ok dei medici per correre nonostante l'infortunio

    “Fit to race”. Poche parole che, però, per Marc Marquez, racchiudo una grande sfida: lo spagnolo le ha sentite pronunciare dai medici del circuito di Jerez de la Frontera quando si è presentato, a meno di una settimana dall’incidente che gli ha causato la rottura dell’omero, per ottenere il permesso di correre, nonostante l’infortunio, la seconda gara del mondiale MotoGP 2020. Permesso accordato con il campione del mondo che proverà, durante le prove libere, a testare la propria capacità di sopportare il dolore e dalle quali dipenderà la sua presenza o meno al via della gara.

    Leggi anche: caduta di Marquez al GP di Spagna, lo spagnolo si frattura l’omero

    Marquez ha l’ok dei medici per correre

    Un’impresa enorme quella di Marc Marquez, voglioso di superare i propri limiti per essere in pista nella gara bis di Jerez per non perdere punti importanti nella sfida mondiale. Ad appena due giorni dall’intervento del dottor Mir, quindi, è arrivata l’autorizzazione ufficiale da parte del Centro Medico della MotoGP all’otto volte iridato per poter prendere parte al prossimo fine settimana di gara. Un recupero lampo, quello del campione del mondo in carica, che inizialmente non era dato in pista neanche per la gara di Brno, in programma nella prima settimana di agosto. Lo spagnolo, però, vuole provarci a tutti i costi e per questo cercherà di stringere i denti per essere allo spegnimento dei semafori.

    Leggi anche: GP Spagna, i Top&Flop della gara

    Insieme a lui ci saranno anche gli altri due piloti infortunati nel primo weekend stagionale, ossia Alex Rins e Cal Crutchlow. Tutti e 3, una volta ottenuto l’ok dei medici a correre, proveranno il proprio livello di sopportazione del dolore anche se inevitabilmente bisognerà valutare la condizione fisica dei tre piloti in questione per capire quale potrà essere il loro livello in gara. A destare sorpresa, però, è soprattutto il recupero lampo di Marquez, un altro segno della grandezza del campione spagnolo.