MotoGP Mugello. Pre-gara Piloti, tra presente, passato e futuro.

MotoGP Mugello

da , il

    MotoGP Mugello. Pre-gara Piloti, tra presente, passato e futuro.

    Qualcuno arriva, qualcuno parte, qualcuno ci prova, qualcuno vince.

    In una stagione dai mille risvolti, sorprese, addii e conferme, l’adrenalina pre-Mugello inizia a salire.

    Oggi al via la prima giornata di prove di MotoGP su uno dei più entusiasmanti circuiti della stagione per il GP Alice d’Italia, che ogni hanno riserva sorprese mozzafiato soprattutto per il pubblico italiano.

    Protagonisti della stagione 2007 saranno ovviamente Valentino, Loris e Marco, con una new entry australiana di tutto rispetto, di nome Casey.

    Ecco le loro parole prima di scendere in pista!

    Valentino: “… Come sanno tutti ho un rapporto particolare con il Mugello. Ho vinto molte volte su questo circuito, tra cui gli ultimi tre anni con la Yamaha, e ho fatto alcune delle gare più belle della mia vita. Anche se quest’anno avrò un altro Gran Premio in casa a Misano, il Mugello è qualcosa d’incredibile e i fan e l’atmosfera che si crea sono sempre spettacolari. Il circuito è fantastico, ma naturalmente il rettilineo è molto lungo e sappiamo che sarà una dura lotta. Per lo meno possiamo fidarci del tempo….spero!

    Marco: ““E’ bello arrivare sulla pista di casa dopo il podio di Le Mans, un risultato cercato da me e dalla squadra, costruito con tanto lavoro. Il gran premio di casa è affascinate quanto impegnativo: il Mugello è infatti una delle piste più tecniche della stagione. Sarà una gara dura dunque, ma l’idea di correre davanti al pubblico italiano è una bella carica. Nella classe regina non sono ancora salito sul podio al Mugello, riuscirci questa volta sarebbe bellissimo. Per quanto riguarda la scelta delle gomme, al Mugello useremo la stessa tipologia utilizzata a Le Mans, diverse saranno invece le mescole per adattare le coperture alle caratteristiche tecniche della pista toscana.

    Loris: “Il Mugello è la pista di casa, mia e della Ducati, quindi è un appuntamento importante per entrambi. In realtà è un grande evento per tutti gli italiani: l’anno scorso io e Valentino abbiamo fatto una bellissima battaglia per la vittoria. Al Mugello c’è un pubblico fantastico e l’atmosfera che vi si respira è incredibile. Il tracciato è bellissimo, con curve e saliscendi molto interessanti. Guidare lì è fantastico e vi ho sempre fatto delle belle gare. Anche se il mio feeling con la moto non è al cento per cento, il carattere della pista vi si adatta bene. Con Ducati stiamo lavorando molto per adattare il più possibile la GP7 al mio stile di guida perché io voglio assolutamente ritrovare la mia velocità e stare di nuovo davanti. Sono convinto che abbiamo il potenziale per tornare forti, dobbiamo solo mantenere la concentrazione e fare il massimo per questa gara e quelle che verranno.

    Casey: “Il Mugello è una delle mie piste preferite e vi ho ottenuto dei bei risultati, compresa la mia prima pole ed il podio in 125. Penso che la moto sarà competitiva dato che il disegno del tracciato comprende un bel rettilineo e curve veloci che dovrebbero piacere alla mia Ducati. Dovremmo riuscire a far bene, anche se star davanti Loris ed al resto degli italiani qui non sarà certo facile. In ogni caso penso che potremo essere veloci, la GP7 e le Bridgetsone stanno andando bene e se sapremo trovare gli assetti giusti ci sarò anche io. Al Mugello bisogna che la moto sia efficiente nei cambi di direzione, che qui sono molto rapidi e che, più sono veloci, più diventano difficili da fare. E’ anche importante che sia molto precisa perché le traiettorie devono esser accurate al millimetro o si perde un sacco di tempo. E’ uno dei fattori che rende questa pista così impegnativa.