MotoGP Olanda: Lorenzo vola, Melandri rischia

Il leader mondiale Lorenzo si avvia a conquistare la pole positione nel Gran Premio di Olanda 2010, seguito da un Casey Stoner in discreta forma e da un Pedrosa incostante

da , il

    Anche sul circuito di Assen, lo spagnolo della Yamaha, nonchè leader della classifica mondiale generale piloti, Jorge Lorenzo non ha nessuna intenzione di fermare la propria marcia verso la conquista della pole position nell’appuntamento olandese. L’iberico della M1 fa segnare il miglior tempo anche nella seconda e ultima sessione di qualifiche libere del sesto appuntamento del Motomondiale 2010 ed è l’unico pilota fino adesso in grado di correre sotto l’1’35, con il crono finale di 1’34.769. Da quando Rossi si è infortunato, per il numero 99, la vita è diventata ancora più facile.

    Il leader mondiale, Jorge Lorenzo si avvia a conquistare, anche il terra olandese, l’ennesima pole position della sua brillante stagione. Lo spagnolo della Yamaha, durante le libere del Gran Premio di Olanda 2010, riesce a girare sotto l’1’35, ma alle sue spalle provengono segnali di vita dal pianeta Ducati di Casey Stoner che dimostra un ritmo di gara molto interessante (1’35.1).

    Troppo incostanti, invece, le prestazioni e i tempi del pilota della Honda ufficiale, Dani Pedrosa che riesce almeno a tenersi dietro la ruota Ben Spies su Monster Yamaha Tech3

    Brutta caduta, invece, per il centauro della Honda clienti di Fausto Gresini, Marco Melandri all’altezza della curva 7, circa 15 minuti dopo l’inizio della sessione. Per l’italiano dislocazione della spalla sinistra e esami d’obbligo presso la clinica mobile del Dottor Costa. Il pilota San Carlo è out per le qualifiche del pomeriggio e ovviamente non prenderà il via alla gara di domani.