MotoGp Portogallo 2012, la storia: 2002-2011

da , il

    MotoGp Portogallo 2012, la storia: 2002-2011

    Il circus del Motomondiale si prepara, dopo la tappa Spagnola sul circuito di Jerez, ad affrontare il terzo Gran Premio di questa stagione che si svolgerà presso il circuito dell’Estoril in Portogallo. Il tracciato Portoghese (4.182 m) situato sulla costa atlantica a 28 km dalla capitale Lisbona, venne costruito nel 1972, ma dovettero passare 12 anni prima di vedere questa pista inserita nel calendario di Formula 1. L’esordio dell’Estoril nel calendario del Motomondiale risale invece al 2000.

    Da quando la MotoGp corre su questo circuito il conteggio delle vittorie premia il nove volte campione del mondo Valentino Rossi (4 vittorie all’attivo nella classe regina), seguito a ruota dal Por Fuera Jorge Lorenzo (3 vittorie per lui), troviamo infine Alex Barros, Toni Elias e Dani Pedrosa con una vittoria a testa. Nelle classi “minori” è da registrare la prima vittoria di Casey Stoner in 250 nel 2005 e le due vittorie di Stefan Bradl in Moto2 (2010,2011). Vediamo in rassegna gli ultimi 10 anni su questo circuito.

    GP ESTORIL 2002

    Undicesima tappa del Motomondiale: la pioggia imperversa tutto il week-end sul circuito portoghese e condiziona pesantemente le prestazioni dei piloti, soprattutto la domenica. Le gare di tutte le cilindrate sono infatti costellate di numerose cadute ed incidenti: a fine giornata si conteranno otto ritirati nella MotoGP, undici nella 250 e addirittura diciannove nella 125; a causa dell’esiguo numero dei piloti giunti al traguardo (sempre inferiore a quindici!!) non sono stati nemmeno assegnati tutti i punti a disposizione. In queste difficili condizioni la vittoria è andata a Valentino Rossi su Honda seguito dalla Yamaha di Carlos Checa e dal compagno di team di Rossi, Tohru Ukawa. Nella 250 spicca un ottimo Marco Melandri, secondo al traguardo.

    GP ESTORIL 2003

    Passa un anno, cambiano completamene le condizioni climatiche. Questa volta c’è il sole sul tracciato, ma il circuito Portoghese resta amico del Dottore che ottiene qui la sua quinta vittoria stagionale (arrivando a fine stagione a quota nove). Rossi precede sul traguardo Max Biaggi e Loris Capirossi che batte in volata lo spagnolo Sete Gibernau (ai piedi del podio per soli 15 millesimi ); sul podio dell’Estoril della classe regina sventolano quindi tre bandiere Italiane. Da registrare, in 125, la prima vittoria in carriera per il pilota spagnolo Pablo Nieto che regola in volata il connazionale Barberà.

    GP ESTORIL 2004

    Nonostante il cambio di moto, da Honda a Yamaha, e le incognite derivanti da questo, la pista dell’Estoril si dimostra ancora amica di Valentino che, dopo aver raggiunto la testa della corsa in poche curve, non concede nulla agli avversari lanciandosi in una fuga solitaria che lo porta a tagliare il traguardo con oltre cinque secondi di vantaggio sul giapponese Tamada, giunto secondo, completa il podio Alex Barros. Gran gara per Loris Capirossi che, al suo 100 Gp in carriera, chiude settimo dopo un’ottima partenza (al comando alla prima curva partendo dalla 4° fila) e dopo una bella rimonta a cui è stato costretto per il contatto con Biaggi.

    GP ESTORIL 2005

    Il Gran Premio portoghese viene quest’anno anticipato a metà Aprile, seconda tappa del calendario; il dominio degli anni passati da parte del marchigiano Valentino Rossi viene interrotto da Alex Barros, che con la sua Honda è autore di una prestazione maiuscola ottenendo la Pole Position il Sabato, e quindi vittoria e giro veloce in gara. Dietro il pilota del team Camel Honda troviamo un terzetto di italiani composto nell’ordine da Valentino Rossi, Max Biaggi e Marco Melandri . Nella quarto di litro primo acuto per il canguro Casey Stoner che ottiene la prima vittoria in questa classe, mentre per quanto riguarda la 125 da segnalare la prima vittoria in carriera del pilota Mika Kallio su KTM.

    GP ESTORIL 2006

    Nel 2006 l’Estoril è la penultima tappa del Motomondiale e i protagonisti delle classi MotoGp e 250 vi arrivano in piena lotta per la conquista del Mondiale. Nella classe regina Valentino Rossi si ritrova a inseguire il leader della classifica Nicky Hayden: il distacco fra i due prima della gara portoghese è di 12 punti (era arrivato addirittura a 51 punti); mentre in 250 è più difficile per Dovizioso il recupero sul maiorchino Lorenzo in quanto i due sono distaccati di 27 punti. Rossi fa quello che deve fin dal sabato piazzandosi in Pole, mentre in gara la sua strategia è chiara: spinge fin da subito tentando di allungare mentre il compagno Edwards tenta di aiutarlo piazzandosi in seconda posizione. Al quarto giro il colpo di scena: Pedrosa colpisce Hayden in un tentativo di sorpasso e i due finiscono nella ghiaia senza possibilità di ripartire. Per Rossi sembra tutto in discesa, ma l’ostacolo imprevisto si chiama Toni Elias che da metà gara inizia a recuperare terreno fino ad arrivare alle spalle di Valentino e intraprendere una bagarre con l’italiano che li condurrà fino al traguardo, dove arriveranno in volata. Il verdetto del foto finish vedrà vincitore lo spagnolo per 2 millesimi. Per Rossi il risultato va anche bene, salvo poi perdere clamorosamente il Mondiale la gara successiva. Nella 250 Dovizioso riesce a centrare un’importante vittoria, mentre Lorenzo giunge solo quinto.

    GP ESTORIL 2007

    Quattordicesimo round della stagione 2007 dominata da Stoner in sella alla Ducati, ma sulla pista portoghese non basta il motore dalle super-prestazioni che ha aiutato il pilota australiano nella fuga in prospettiva mondiale. Infatti in gara la lotta per la vittoria è un affare a due fra Rossi e Pedrosa che, nonostante non brilli in qualifica (solo quinto sulla griglia di partenza), porta a termine una gara in cui dimostra tutto il suo talento rimanendo sempre vicino all’Italiano e ingaggiando con lui una bagarre che infiamma il pubblico. I due tengono un passo impossibile anche per Casey che deve accontentarsi del terzo posto, Il Dottore riesce alla fine ad avere ragione di Dani precedendolo di un decimo e mezzo, ancora una volta Vale si dimostra la bestia nera di Pedrosa.

    GP ESTORIL 2008

    Buona la prima per Jorge Lorenzo, che vince al primo tentativo su questa pista (la terza del calendario) nell’anno del suo esordio in MotoGP. Jorge si dimostra fin da subito a suo agio su questo tracciato con la sua M1, a conferma di ciò arriva la conquista della Pole Position durante le qualifiche e alla domenica una prestazione maiuscola dove ottiene giro veloce e vittoria. Solo il connazionale Pedrosa riesce ad impensierire il numero 48 della Yamaha tentando una fuga solitaria dopo la classica partenza “a fionda” che lo porta a girare primo alla prima curva, ma Lorenzo dopo essersi ripreso da una partenza non brillante recuperale le posizioni e il distacco che lo separano da Dani e lo supera imponendo un ritmo insostenibile anche per il pilota della Honda che si accontenterà del secondo posto. A completare il podio Valentino Rossi, autore di una pessima prestazione considerando il distacco dal suo compagno di squadra (oltre 12 secondi di distacco). Solo sesto il campione del mondo Casey Stoner. Nella 250 ottimo secondo posto per il giovane Marco Simoncelli che vince la volata su Mika Kallio.

    GP ESTORIL 2009

    Appuntamento importante in ottica Mondiale, una questione tutta in casa Yamaha: Lorenzo ha intenzione di bissare il successo dell’anno passato e si dimostra subito veloce fin dalle prime sessioni ottenendo anche la Pole. In prima fila troviamo anche Rossi e uno Stoner appena rientrato dopo lo stop di tre gare (per tentare di comprendere le cause della stanchezza che lo affligge da tutta la stagione ) e subito veloce. In gara Lorenzo fa da battistrada, seguito da Pedrosa e da un brillante Stoner. Da metà gara in poi però Dani ha un crollo prestazionale e viene raggiunto e superato da Casey. Le posizioni di testa rimarranno invariate fino al traguardo: Rossi che non è mai stato in gara e limita i danni in ottica mondiale giungendo quarto, ma per lui ancora una brutta prestazione su questa pista se comparata a quella del compagno di team (23’’ di distacco fra i due). Soddisfazioni per l’Italia arrivano invece dalla 250 dove vince Marco Simoncelli.

    GP ESTORIL 2010

    Gran Premio caratterizzato dalla variabilità del tempo fra un turno e l’altro, tanto che le qualifiche del Sabato non si sono svolte per l’abbondante pioggia e quindi la griglia di partenza è stata stabilita in base ai tempi combinati delle tre sessioni di prove libere del venerdì e del sabato mattina. Domenica pronti-via e Rossi si mette in testa per tentare di rovinare i piani al compagno di team Lorenzo, portandosi in prima posizione mentre Jorge rimane invischiato nel gruppo. Ma il sogno del Dottore dura poco, solo il tempo che ci mette Jorge a liberarsi degli altri piloti e lanciarsi a tutta velocità verso l’italiano. La differenza fra i due è evidente e infatti alla fine ne esce vincitore per il terzo anno consecutivo il pilota maiorchino (già Campione del Mondo di questa stagione). Dopo le due Yamaha tagliano il traguardo Andrea Dovizioso e Marco Simoncelli. La prima edizione del GP dell’Estoril della Moto2 va a Stefan Bradl.

    GP ESTORIL 2011

    In questa stagione così ricca di novità dovute al mercato piloti del 2010, il Gran Premio portoghese vede brillare fin dai primi turni la giovane stella di Marco Simoncelli. Il pilota del team Gresini si gioca la Pole, salvo poi perderla a favore di Jorge Lorenzo che si riconferma veloce sul tracciato dell’Estoril. Purtroppo in gara il giovane italiano incappa in una caduta che vanifica l’ottimo week end di cui si era reso protagonista, mentre Lorenzo tenta di aggiudicarsi l’ennesima vittoria su questa pista amica rimanendo in testa per ben 24 dei 28 giri. A quattro giri dalla fine però un Dani Pedrosa mai domo riesce a sorpassare il maiorchino, dopo averlo seguito sempre da vicino. Stoner sarà terzo al traguardo mentre Rossi taglierà il traguardo in quinta posizione, preceduto di pochi millesimi da Dovizioso, dopo essere stato per tutta la gara quarto.

    Non ci resta che attendere quindi lo svolgersi di quella che sarà l’ultima apparizione di questa pista nel calendario del Motomondiale: dal prossimo anno infatti l’Estoril scomparirà per lasciare il posto al circuito dell’Argentina. Appuntamento a Domenica!

    ANDREA MARIANI