MotoGP Portogallo 2012, Stoner: “Week-end fantastico”

Stoner commenta il fine settimana di gare sul circuito dell'Estoril che lo ha visto nuovamete vincere e dominare con la Honda

da , il

    MotoGP Portogallo 2012, Stoner: “Week-end fantastico”

    Il pilota della Honda ufficiale MotoGP, Casey Stoner ha vinto anche in Portogallo dopo che nelle qualifiche ufficiali tra le curve della pista internazionale di Estoril, aveva anche conquistato la pole position. In gara, l’australiano campione del mondo in carica è stato irresistibile e soprattutto irraggiungibile per tutti gli altri piloti: “Alla fine è stato un altro weekend fantastico. Fin dalla mattina di domenica eravamo più fiduciosi, ma anche un pò preoccupati perché quando abbiamo avuto una posizione molto simile nelle FP3 la moto era decisamente peggiorata con il caldo”.

    Con la vittoria sulle curve di Estoril, seconda vittoria consecutiva per Stoner, il campione del mondo in carica della MotoGP è diventato nuovamente il leader della classifica iridata del Mondiale.

    Nel box della Honda si respira aria di ottimismo con questo filotto di podi e primi posti e anche i noti guai di chattering della moto passano in secondo piano: “Nel warm up non abbiamo avuto problemi con il chattering, ma poi per la gara, con il caldo, abbiamo faticato molto di più”; ha affermato l’australiano della Repsol.

    E nonostante il dominio che Casey ha imposto sulla gara, il numero 1 del Motomondiale ammette che durante la prima parte della corsa di Estoril è stato difficile guidare la moto: “E’ stato molto difficile guidare, nella prima parte della gara ero fiducioso e attaccavo, ma ho perso l’anteriore due volte a causa del chattering. A quel punto ho cercato di guidare in modo “scorrevole” e volevo solo stare davanti a Lorenzo e Dani Pedrosa, ma Jorge stava andando forte. Dovevo cercare di mantenere il mio ritmo e non fare troppi errori, ho anche provato a cambiare la mappatura per cercare di ridurre il problema. Verso la fine della gara ho cominciato a capire meglio come guidare per non risentirne, questo ha reso le cose più agevoli e ho trovato il passo e sono stato in grado di portare a casa una grande vittoria in una grande gara”.