MotoGP Qatar 2012, Stoner: “Un buon inizio”

Stoner commenta il primo turno di libere del Qatar dove ha conquistato il primo tempo nell'esordio ufficiale nellla MotoGP per il 2012

da , il

    MotoGP Qatar 2012, Stoner: “Un buon inizio”

    Il campione del mondo in carica della MotoGP, Casey Stoner non perde le vecchie abitudini ed ha conquistato tra le curve internazionali del circuito del Qatar, il miglior tempo, fermando il cronometro sull’1’56″474. Il campione iridato in carica del Mondiale 2012, nonostante il buon inizio ammette di avere provato qualche disagio nel chattering della sua Honda ufficiale: “Nel primo turno di libere la pista non era male, mi aspettavo infatti condizioni peggiori. All’inizio abbiamo avuto tantissimo chattering ed ero un pò preoccupato che non saremmo stati in grado di diminuirlo”.

    Dopo aver conquistato il primo best time della nuova ede entusiasmante stagione della MotoGP 2012, tra le curve del Gran Premio del Qatar, il due volte campione del mondo Stoner può dirsi abbastanza soddisfatto del lavoro svolto dal team della HRC e della sua prestazione offerta in pista.

    Il campione australiano, comunque, è abbastanza soddisfatto del rendimento della sua Honda RC213V sul tracciato di Losail, da dove domeni 8 aprile ci sarà il primo semaforo verde del Motomondiale 2012.

    Ma il numero 27 della HRC, si sa, quando è in sella sulla moto diventa un vero e proprio perfezionista e dunque lo ritroviamo a parlare del problema di chattering sul suo bolide e di come il team ha operato per ridurre i disagi del pilota alla guida: “Dopo qualche uscita siamo riusciti a portarlo ad un livello più accettabile. Questo è importante in proiezione gara, ma la sessione di prove è stata molto breve ed è strano dover aspettare fino a domani. È stato comunque un buon inizio, siamo stati i più veloci e questo è positivo, ma per avere dei tempi più realistici dobbiamo aspettare le libere di domani. Con due sessioni di prove e condizioni di pista migliori potremmo valutare meglio il nostro reale livello”.