MotoGP, rinviati anche il GP del Mugello e quello di Catalogna

La Federazione, a causa del coronavirus, ha rinviato altri due appuntamenti del mondiale 2020: la partenza, adesso, potrebbe avvenire il 21 giugno in Germania

da , il

    MotoGP piloti Ducati

    Non c’è pace per la MotoGP: l’epidemia di coronavirus che sta colpendo il mondo ha costretto infatti gli organizzatori del mondiale a spostare anche gli appuntamenti del Mugello – dove si sarebbe dovuto correre il GP d’Italia -, fissato per il weekend del 31 maggio, e quello con il GP di Catalogna che si doveva correre il prossimo 7 giugno.

    La partenza forse in Germania il 21 giugno

    Slitta ancora, dunque, la partenza della stagione 2020 con il rischio sempre più concreto di avere un campionato dimezzato. “È con rammarico che annunciamo i rinvii del Gran Premio d’Italia e quello di Catalogna che si sarebbero dovuti svolgere sui circuiti del Mugello e di Montmeló dal 29 al 31 maggio e dal 5 al 7 giugno l’attuale pandemia di coronavirus ha costretto a riprogrammare gli eventi. Poiché la situazione è in costante evoluzione, come per il Gp di Spagna e Francia, una nuova data per questo evento non può essere confermata fino a quando non sarà chiaro il quadro. Un programma rivisto verrà pubblicato non appena disponibile” si legge nella nota di Fim, Irta e Dorna Sports

    Lo slittamento dei due appuntamenti arriva pochi giorni dopo il rinvio del GP di Le Mans. Da calendario, adesso, la prima data utile per la partenza della stagione di MotoGP è quella del 21 giugno, quando è in programma il GP di Germania al Sachsenring; una possibilità, non ancora una certezza vista la situazione legata alla diffusione del Covid-19. Nei prossimi giorni dovrebbe arrivare un nuovo calendario, ma l’ipotesi più probabile è quella di annullare la pausa estiva cercando così di recuperare più gare possibili senza avere una stagione troppo fitta di impegni.