MotoGP, Rossi: “Sono pronto a combattere, vogliamo tornare a essere forti”

Il pilota della Yamaha, dopo il ritiro di Jerez, punta al riscatto: 'Un bene correre sulla stessa pista perché potremo confrontare i dati'. Vinales: 'Motivati a lottare per la vittoria'

da , il

    Valentino Rossi a Jerez 2020

    Il mondiale MotoGP 2020, per Valentino Rossi, non è certo iniziato nel migliore dei modi: il pesarese, infatti, durante il GP di Spagna, si è visto costretto a parcheggiare la propria moto a bordo pista per un guasto che lo ha visto ritirarsi mentre era comunque lontano dalle posizioni di vertice dopo aver lottato per tutto il weekend con la propria M1, in netta difficoltà rispetto agli avversari. Un avvio in salita per il nove volte campione del mondo proprio nella stagione che avrebbe dovuto segnare il suo riscatto.

    Leggi anche: GP di Spagna, i risultati della prima gara del mondiale

    Partire con uno zero in classifica non è certo il miglior modo per presentarsi all’avvio di un mondiale, ma il Dottore, nonostante l’inconveniente tecnico che lo ha lasciato a piedi, si mostra fiducioso in vista della gara bis a Jerez che si correrà il prossimo fine settimana: “Il GP di Spagna è stato difficile per me. Ho lottato molto per il caldo a causa del degrado delle gomme, e in seguito ho dovuto ritirarmi dalla gara, che è stata sfortunata. In un certo senso è bene che dovremo correre di nuovo a Jerez questa settimana, perché possiamo prendere i dati da domenica e usarli a nostro vantaggio. Lavoreremo sodo perché vogliamo tornare forti questo fine settimana. Mi sento bene e sono pronto a combattere di nuovo le parole del campione sul sito ufficiale del team.

    Se da un lato del box Rossi ha voglia di rivalsa, il suo compagno di squadra, Maverick Vinales, vuole proseguire la sua rincorsa al titolo iniziata con il secondo posto alle spalle del vincitore Quartararo, e magari migliorare il risultato ottenuto puntando così al titolo di campione del mondo: “La scorsa settimana mi sono sentito benissimo in sella a Jerez, quindi sono fiducioso per questo GP. Onestamente, ho avuto un buon ritmo – prima nel test e poi durante il weekend di gara – e nonostante il degrado delle gomme in gara sono riuscito a conquistare il secondo posto. La mia squadra ha fatto un ottimo lavoro e siamo tutti molto motivati ​​a lottare per il podio e la vittoria. Penso che possiamo essere ancora più forti questa volta, perché ora abbiamo tutti questi dati extra sulla gara. Finora abbiamo fatto un buon lavoro, quindi continueremo a lavorare sodo, come sempre, per ottenere il miglior risultato possibile” ha concluso lo spagnolo.