MotoGP Sepang. Rossi – Stoner: la lotta non è ancora finita!

MotoGP Sepang

da , il

    MotoGP Sepang. Rossi – Stoner: la lotta non è ancora finita!

    A Campionato quasi finito, si continua a lottare.

    Per tenere alta una bandiera, un’idea, una passione.

    Per dimostrare qualcosa a qualcuno, o forse, solamente a sè stessi.

    Valentino Rossi, nonostante la batosta di quest’anno (che arriva dopo quella dell’anno scorso…), ci riprova a portare a casa l’en plein di score.

    Ho fatto davvero il possibile in Australia, ma non potendo cambiare la classifica di Stoner, ora abbiamo un unico obiettivo: combattere per vincere le gare che restano. – dichiara Valentino Rossi – Sepang è un altro dei miei circuiti favoriti e ho sempre fatto grandi gare su quella pista. L’anno scorso è memorabile la “battaglia” con Capirossi e mi piacerebbe ripetere una sfida come quella anche quest’anno

    Il campione di Tavullia continua: “Sappiamo che ora la moto va bene e abbiamo raccolto dati importanti per migliorarla ancora. Dall’inizio della stagione abbiamo sicuramente migliorato le prestazioni e spero che anche a Sepang si possa trovare un buon assetto ed essere competitivi. Abbiamo ancora due gare al termine e voglio cercare di fare il possibile per vincerle entrambe e chiudere la stagione nel modo migliore

    A rendere la vita dura a Valentino ci penserà, ancora una volta, Casey Stoner, desmodromico campione 2007, che prima di affrontare la pista di Sepang dichiara: “Anche se il titolo è già nostro, da qui alla fine voglio provare sempre a lottare per vincere perchè le gare per me sono tutte importanti. Certo, adesso la situazione è un pò diversa, mi diverto di più, perchè posso affrontarle con uno spirito un pò più rilassato. Sono contento di correre a Sepang perchè è una pista che mi riporta alla mente bei ricordi. Infatti vi ho vinto due volte, in 125cc ed in 250cc, per due anni di fila, nel 2004 e nel 2005. Quella dell`anno scorso invece è stata la mia gara peggiore sul quel tracciato e non mi dispiacerebbe per niente tornare al livello di prima. Il tracciato ha un pò di tutto, molte curve belle e filanti ma anche altre strette e poco divertenti. Nei curvoni lunghi si sta molto in piega e si usano parecchio i freni quindi è fondamentale poter avere fiducia sull’anteriore. Nello stesso tempo però anche la gomma posteriore deve offrirti una buona aderenza. L’asfalto è stato rifatto di recente, staremo a vedere che cosa ci riserva“.

    Il Titolo è statao già assegnato, ma a quanto pare il duello non è ancora concluso…