MotoGP Spagna: Rossi punta sulla gara

Dopo il deludente quarto tempo ottenuto nelle prove ufficiali del GP di Spagna, Valentino Rossi crede di avere delle buone possibilità per conquistare la vittoria oppure il podio tra le curve di Jerez

da , il

    Dopo aver conquistato solo la quarta piazza nelle prove ufficiali del Gran Premio di Spagna 2010, il campione del mondo in carica della MotoGP, Valentino Rossi non si perde d’animo per la gara che avrà luogo domani sul circuito di Jerez de la Frontera e promette battaglia a tutti i diretti avversari che puntano alla vittoria finale nell’appuntamento spagnolo del Motomondiale. Infatti, Dani Pedrosa ha conquistato la pole position e insieme al connazionale Jorge Lorenzo sono i favoriti per eccellenza al gradino più alto del podio.

    Dopo il deludente quarto tempo ottenuto nelle prove ufficiali del Gran Premio di Spagna, Valentino Rossi crede di avere delle buone possibilità per conquistare la vittoria oppure il podio tra le curve di Jerez, nonostante il dolore che persiste alla spalla infortunata.

    A parte l’intoppo dell’arto infortunato, Rossi dovrà cercare di settare al meglio la propria Yamaha M1 che non è andata benissimo qui ad Jerez dopo le qualifiche.

    Sarà difficile, comunque per il Dottore della M1, sistemare la sua moto e tenere il passo dell’1.40, il quale potrebbe essere quello giusto per vincere la gara di domani, Pedrosa e Lorenzo permettendo.

    Se Valentino Rossi vorrà conservare la propria leadership sul Motomondiale appena cominciato, dovrà dar fondo a tutto il suo talento. Questo è l’obbiettivo che ha confidato ai giornalisti subito dopo le prove di Jerez: “io credo che il passo di gara possa essere tra il 40.1 e il 40.2, con qualche capatina sotto l’1.40. Questo può essere il passo per vincere e siamo un bel gruppetto con questa possibilità, anche se Lorenzo e Pedrosa al momento sembrano più a posto. Pedrosa però non è per niente contento: dice che può fare solo un giro forte e poi non gli riesce più. Mah, non so. Io ho guardato il cronologico e ho visto che riesce ad andar forte per più di un giro e in più parte davanti. Insomma, vorrei averli io i problemi che ha Pedrosa”.