Nelson Piquet:’Farò passare Massa’

il pilota della renault nelson piquet ha dichirato che farà il tifo per il suo connazionale felipe massa nell'ultima gara della stagione in brasile ed ha ammesso che se potrà lo farà passare mentre cercherà di tenere dietro hamilton

da , il

    Ad un giorno dall’accensione dei motori in quel di Interlagos, aumenta la lista dei piloti che dichiarano apertamente di fare il tifo per Felipe Massa. Ai già noti va aggiunto Nelson Piquet Jr. che, probabilmente per patriottismo, ammette chiaramente che farà il possibile per aiutare il pilota Ferrari. Sul fronte Hamilton, intanto, arrivano consigli anche da Ross Brawn e Juan Pablo Montoya.

    PIQUET DI PARTE. “Se durante la corsa dovessi trovarmi Felipe dietro di me per un qualunque motivo – ha spiegato il pilota Renault che rischia seriamente di perdere il sedile per la stagione 2009 – lo farei passare senza problemi. Se, invece, avessi dietro Hamilton, cercherei di difendere la mia posizione come con un qualunque avversario”.

    MASSA SCETTICO. Nonostante l’ennesimo amico trovato per strada, Felipe Massa non sembra molto ottimista sulle sue chance di vittoria del mondiale. Intervistato da SKY ha realisticamente dichiarato:“Credo che le mie possibilità non siano superiori al 30% contro il 70% di Hamilton. Nello sport non si sa mai, ma 7 punti da recuperare sono molti”. Se però il primo a non crederci è lui, non vale. In questo senso il motto 2007 di Raikkonen “è finita solo quando è finita” gasava molto di più. E alla fine funzionò pure.

    AVVISI A SCENA APERTA. Si sprecano gli avvertimenti per Hamilton. Dopo quelli di campioni del passato come Schumacher ed Hakkinen e quelli di vecchie volpi come Eddie Jordan e Flavio Briatore, la scarsa fiducia sulle doti psicologiche del pilota McLaren chiama a raccolta continuamente nuovi nomi. Dalla Nascar americana persino Montoya dice la sua:“Suggerisco ad Hamilton di stare lontano da Massa. Io al suo posto non farei alcun duello e lo lascerei passare tranquillamente. La cosa più importante è portare la macchina al traguardo”. E, tornando alla Formula 1, Ross Brawn si rivolge direttamente al box McLaren:“Hamilton deve tenere a bada i suoi istinti. Questo è quello che la squadra deve fargli capire. Con ciò non intendo suggerire una strategia troppo difensiva perché, ad esempio, partire piano può comunque portare a dei problemi alla prima curva. Il segreto sta nell’usare un giusto giudizio. Il vero rebus però – conclude il team manager Honda – è che alla fine il pilota dentro l’abitacolo è solo con sé stesso ed è lui che fa le scelte”.

    Foto: google