Nicky Hayden rinnova con HRC? Tutte le premesse e le promesse tra apprendisti stregoni da Tavullia e toreri camomilli

Nicky Hayden rinnova con HRC? Tutte le premesse e le promesse

da , il

    Nicky Hayden rinnova con HRC? Tutte le premesse e le promesse tra apprendisti stregoni da Tavullia e toreri camomilli

    Pedrosa (a volte) vince. E (a volte) riesce anche a convincere.

    Il fatto che la Honda abbia puntato tutto sullo spagnolo di Sabadell aka “pupillodiPuig” fa il resto.

    Passa il tempo e passa la stagione 2006, magnifica, sofferta, combattuta sul filo dell’ ingegneria e della fortuna, in nome dell’antica arte dell’ “accontentarsi di poco” piuttosto che non portare a casa nulla.

    Hayden è Campione del Mondo così, lui stesso lo dirà : “Il Titolo mondiale? Quest’anno o mai più”

    Il premio va, prima di tutto, alla sincerità.

    Passa il tempo e Pedrosa cresce. Non a dismisura, certo, ma cresce e viene fatto crescere. Del resto, anche Hayden viene portato alla vittoria dalla Honda.

    L’HRC è così, quasi incantevole e incantata a volte, prevedibilmete imprevedibile, capace di ricette magiche per tirar fuori la moto ancora pià magica che ha permesso la conquista del Mondiale 2006.

    Una magia che solo il “mago del coniglio dal cappello”, il famoso Valentino, è riuscito ad annullare per qualche anno.

    Probabilmente perchè ha imparato a conoscere le doti del maestro, cioè quella grande cupola Honda HRC che ha a lungo guidato la carriera dell’apprendista stregone da Tavullia.

    Ma questa è storia vecchia ormai.

    Adesso c’è il presente. E il futuro, forse.

    Già, perchè il contratto biennale di Nicky Hayden con la Honda sta giungendo al termine.

    Un biennio strano, opposto, ricco di contrari e di sinonimi, difficile da capire o forse, addirittura, dal significato estremamente lampante: quando la Honda funziona, i suoi piloti possono fare qualcunque cosa.

    E la Honda lo stesso sei suoi piloti.

    Hayden c’è, nonostante tutto e tutti.

    Lo sviluppo della RC212V 2008 è dovuto a lui e Pedrosa deve solo ringraziare.

    Una prestagione che sembrava essere l’anticamera di un nuovo successo e poi il flop in Campionato: Hayden non ci sta e prepara la sua personalissima contromossa, determinato come non mai.

    Perchè il Kentucky Kid non ha mai smesso di crederci. Nonostante la Honda lo abbia “sbolognato” il giorno dopo l’impresa compiuta dall’americano di strappare il Titolo a quel mago “ex figlio” Valentino, costola strappata dolorosamente alla Honda.

    Ma non è solo Hayden a crederci. E’ anche la Honda, in tutta la sua piena contraddizione, le sue ferre regole mutuate da una tradizione di samurai e reinterpretata con le regole occidentali dell’ “usa e getta”.

    Due settori di globo opposti, così come il giappone della casa di Asaka e come l’america del pilota a stelle e strisce.

    Ora i primi rumors… Hayden potrebbe rinnovare con Honda, Honda potrebbe voler rinnovare con Hayden.

    E’ tutto così fumoso in questa strana storia, eppure sembra già tutto scritto…