Nuova Ferrari F1 2018: indiscrezioni positive! Vettel permettendo…

La nuova Ferrari di F1 2018 ha dato indicazioni sorprendenti dalle simulazioni fatte a Maranello

da , il

    Nuova Ferrari F1 2018: indiscrezioni positive! Vettel permettendo…

    La nuova Ferrari di F1 2018 sta crescendo bene. I rumours arrivano da Pino Allievi de La Gazzetta dello Sport, da secoli ben informato su ciò che accade dietro le quinte di Maranello. L’aspetto più interessante della nuova Ferrari 2018, almeno finché resteremo a ragionare a scatola chiusa, è l’allungamento del passo. La vecchia Ferrari era una di quelle più corte e questo ha dato a Vettel e Raikkonen importanti vantaggi in termini di maneggevolezza. Ma si può fare di più e di meglio seguendo la linea solcata dalla Mercedes che, al contrario, pare abbia comunque deciso di accorciare il passo extralungo portato in pista nel 2017. Ai nastri di partenza della stagione 2018 di Formula 1, quindi, potremmo vedere Ferrari e Mercedes avere due monoposto molto più simili di quanto non sia mai accaduto in passato. La convergenza non sarà solo estetica ma anche prestazionale, almeno stando ai risultati di galleria del vento e CFD.

    Guarda anche:

    Nuova Ferrari F1 2018: presentazione il 22 febbraio

    La presentazione della nuova Ferrari F1 2018 è fissata per il 22 febbraio. Nel frattempo, il lavoro procede spedito a Maranello. Poco prima di Natale la monoposto ha superato il crash test frontale. “Dalla Gestione Sportiva trapelano voci di risultati sorprendenti dalle simulazioni - si legge su La Gazzetta dello Sport – la nuova Ferrari ha il passo più lungo, perché i tecnici di Binotto hanno capito che i vantaggi superano gli svantaggi”. Le novità non riguarderanno solo la macchina ma anche l’organizzazione degli uomini del team che, da qui al primo Gran Premio della stagione 2018 di Formula 1, è destinata ad essere ulteriormente ritoccata.

    Ferrari F1 2018: Vettel osservato speciale

    A motori spenti, col senno di poi, viene da dire che la stagione 2017 di Formula 1 ha visto un Sebastian Vettel strepitoso ma solo a tratti. Per battere la Mercedes e Lewis Hamilton occorre esserlo sempre. Sul conto del pilota tedesco della Ferrari occorre segnalare varie critiche. Tra quelle più feroci riportiamo il pensiero di Eddie Irvine:“Seb ha rovinato la propria immagine con certe buffonate dentro e fuori l’abitacolo. Si è comportato da bambino viziato. Capisco che sia frustrante per lui dopo aver vinto 4 titoli mondiali con facilità trovarsi in una situazione in cui deve fare una gara perfetta dopo l’altra per tenere testa ad Hamilton”. Fatta questa riflessione, Irvine smenisce che possa esserci un paragone credibile tra Vettel e Schumacher in quanto il 7 volte iridato aveva una capacità superiore di essere freddo e controllare la situazione.