Nuova Ferrari F1, Marchionne: “Ciofeca o grande macchina”

Marchionne rivela che in fabbrica si vive con tranquillità il debutto della nuova Ferrari di F1 2018

da , il

    Nuova Ferrari F1, Marchionne: “Ciofeca o grande macchina”

    Sergio Marchionne anticipa qualche sensazione sulla nuova Ferrari di F1 2018 che sarà presentata il 22 febbraio. Lo fa a Detroit in occasione della conferenza stampa di inizio anno di FCA. “Ho visto i ragazzi in fabbrica sin troppo tranquilli il che vuol dire che abbiamo fatto una ciofeca o una grandissima macchina…”, ha scherzato il presidente della Ferrari.

    Le uniche indiscrezioni che trapelano da Maranello sono che la nuova Ferrari F1 2018 ha superato i crash test senza problemi ed ha sfoggiato numeri sbalorditivi nelle prove al simulatore. I primi riscontri della pista si avranno quattro giorni dopo la presentazione ufficiale quando la Ferrari, assieme agli altri team di Formula 1, parteciperà alla prima sessione di test invernali sul circuito di Barcellona.

    Guarda anche:

    Ferrari, Vettel:”Abbiamo imparato tanto, siamo motivati”

    Non solo Marchionne. Anche Sebastian Vettel parla della nuova Ferrari di F1 2018 e lo fa confermando il clima di ottimismo che si respira a Maranello:“Nel 2017 abbiamo fatto un passo in avanti incredibile – ha ricordato il 4 volte iridato – Siamo stati vicini alla vetta per quasi tutto l’anno ma ci è mancato qualcosa nei momenti importanti che poi sono stati solo due o tre gare. Abbiamo avuto alcune belle lezioni dalle quali abbiamo imparato molto e penso che l’esperienza accumulata ci aiuterà il prossimo anno”.

    Marchionne:”Non so molto di Alfa Romeo Sauber”

    Molto interessato e informato sui fatti della Scuderia Ferrari, per nulla su quelli dell’Alfa Romeo Sauber. Così Marchionne si rivela ai giornalisti che gli chiedono informazioni su ritorno del biscione in Formula 1:“Siamo solo uno sponsor per cui ci vorrà tempo”, ha ammesso.

    A poche ore di distanza, però, Frederic Vasseur ha rilasciato dichiarazioni che lasciano intravedere un crescente coinvolgimento di Alfa Romeo nel progetto Sauber:“Il nostro obiettivo a lungo termine è smettere di essere un team B della Ferrari e diventare il team A dell’Alfa Romeo pur restando sempre un collegamento tra questi due costruttori sia per le tecnologie che per i piloti. Per noi è importante avere il supporto di un costruttore poiché i team privati non avranno mai lunga vita in F1″, ha ricordato il team principal degli svizzeri.