Ottimismo dal fronte HRC

interviste pre gara repsol team qatar 2006

da , il

    Ottimismo dal fronte HRC

    Eh si, sembra proprio che quest’anno alla Honda ci abbiano azzeccato.

    Niente più chattering, niente più posizioni fuori dal podio, solo piloti giovani e una moto che si lascia addomesticare afabilmente anche dalle mani di un pilota non completamente esperto nella classe regina. Complimenti ad entrambi.

    Pedrosa, come al suo solito, mette le mani avanti, senza però mostrarsi arrendevole: ” Penso sarà una gara difficile quella di sabato in Qatar, soprattutto perchè la concorrenza di molti piloti che per sfortuna, a Jerez, non hanno gareggiato al meglio delle loro condizioni, sarà più agguerrita che mai.

    Non penso che i grandi si aspettassero di trovarmi lì davanti, lì ho stupiti in un certo senso, spero di poter fare di nuovo bella figura anche in questa gara.”

    E aggiunge: “Non conosco bene questo circuito e purtroppo avrò meno tempo degli altri per imparare il tracciato. A Jerez abbiamo avuto alcuni giorni di prova prima della gara che mi sono stati molto utili per settare la moto al meglio, questa volta non possiamo fare neppure troppo affidamento sui dati dello scorso anno visto che si corre in un periodo diverso. Spero comunque che il clima ci venga incontro, io comunque cercherò di dare il meglio di me”

    Hayden, dal canto suo, è alla ricerca del suo sesto podio consecutivo: ” Ho voglia di correre a Losail. Ho voglia di confrontarmi con un nuovo circuito dopo tanto tempo di pre-test, test e gara a Jerez de la Frontera.”

    Del resto non è mai stato un segreto che a Nicky piaccia il tracciato di Losail. Lo scorso anno arrivò terzo e quest’anno afferma: ” E’ un circuito divertente quello del Qatar. Le mie curve preferite sono la uno, la due e la tre, due curve molto inclinate seguite da una destra molto veloce.”

    Alla HRC sperano di poter dare spettacolo anche questa volta, anche se gli spalti di questo circuito saranno cosa ben diversa da quelli di Jerez o del Mugello: non ci sarà molto pubblico e l’atmosfera sarà calda più per il sole cocente che per gli strisciopni dei tifosi…. speriamo comunque che siano le gesta dei piloti a compensare quell’allegria e quella forte coesione tra le persone propria di (quasi) ogni circuito della MotoGP.