Rally di Roma Capitale CIR 2018: il ritiro dei big, Andreucci e Peugeot compresi

In questo Rally di Roma Capitale 2018 i protagonisti del CIR 2018 non hanno avuto fortuna, causa speciali annullate e ritiri

da , il

    Rally di Roma Capitale CIR 2018: il ritiro dei big, Andreucci e Peugeot compresi

    Sicuramente non ci si è potuti annoiare nel corso di questo Rally di Roma Capitale, ennesimo appuntamento del Campionato Italiano Rally 2018. Colpi di scena in sequenza hanno portato al ritiro dei “big” in lotta per il tricolore, dando così spazio a piloti che fino ad oggi non hanno potuto brillare nel corso della stagione. Ancora un problema anche per Andreucci, costretto al ritiro.

    La sfortunata serie di episodi che ha interessato il pilota Andreucci e la sua Peugeot 208 T16 R5 non cenna a terminare, poichè dopo il disastroso incidente che in Liguria ha messo k.o. la storica navigatrice Andreussi, il Rally di Roma Capitale ha visto un ulteriore ritiro. Purtroppo è stato un altro incidente ad impedire Andreucci di arrivare in zona punti, in una gara che lo vedeva comunque in lotta per posizioni interessanti. Ma così come Andreucci non ha totalizzato punti anche gli altri principali protagonisti di questa stagione 2018 hanno visto sfumare la possibilità di accorciare le distanze: Scandola ha avuto un problema tecnico, Campedelli ha centrato in pieno un masso arrivato nel mezzo della traiettoria. Praticamente nulla di fatto nelle posizioni alte della classifica, mentre l’appuntamento romano di questo CIR 2018 è stato portato a casa da Basso, che ha conquistato il gradino più alto del podio ed è finalmente riuscito a togliersi una soddisfazione nel corso di una stagione che non l’aveva visto esattamente brillare.

    Lo stesso pilota portacolori di Peugeot si è dichiarato insoddisfatto del banale errore che l’ha costretto al ritiro, soprattutto in una situazione che l’ha visto correre al pari degli avversari nonostante la settimana travagliata appena trascorsa. La sua fortuna è stata, però, che nonostante tutto il vantaggio sugli avversari è rimasto inalterato.