Red Bull: Vettel chiede la riconferma di Webber

Formula 1: Vettel esce allo scoperto ed, a sorpresa, chiede alla Red Bull di rinnovare il contratto del compagno di box Mark Webber

da , il

    Red Bull: Vettel chiede la riconferma di Webber

    Vi ricordate quanto era teso il rapporto tra Sebastian Vettel e Mark Webber nel 2010? Entrambi erano in lotta per il titolo mondiale. Il culmine della tensione arrivò nel Gran Premio di Turchia quando i due si eliminarono a vicenda. Il tedesco dette del “pazzo” in mondovisione al collega. Di quella e di altre scaramucce ne approfittò Fernando Alonso che riuscì a restare in vetta alla classifica mondiale fino alla penultima gara in calendario. Due anni dopo e con due titoli mondiali conquistati e messi in bacheca, Vettel ha un’opinione completamente diversa del suo compagno di squadra. Ora è proprio Seb a chiedere alla Red Bull la riconferma dell’australiano che, altrimenti, rischia di dover lasciare il sedile della monoposto più veloce del mondo a fine anno.

    Vettel: “Felice se Webber resta”

    Sebastian Vettel ammette che tra lui e Mark Webber i rapporti non siano al top. Non per questo vorrebbe un pilota diverso come compagno di box:“Non siamo quelli che puoi definire dei migliori amici ma non c’è nessun tipo di problema tra noi. Né io con lui, né lui con me. Insieme lavoriamo bene ed il nostro obiettivo comune è cercare di aiutare la squadra. La nostra visione della vettura è abbastanza simile”. Certe dichiarazioni ne fanno tornare alla mente altre più pepate. Come quando il biondo di Germania definiva impossibile l’amicizia con il collega poiché tra i due c’era troppa differenza di età in un artificio retorico che aveva soprattutto l’interno di dare del “vecchio” a Mark Webber. L’australiano ha vissuto a fasi alterne la pressione esercitata da Vettel. In certi frangenti, vedi il 2010, ha tirato fuori gli attributi mettendo persino in crisi la spavalderia del compagno. In altri, vedi il 2011, non è mai riuscito ad emergere. “Non posso dire nulla del suo contratto - ha concluso Vettel – ma penso stia facendo un ottimo lavoro e vorrei che restasse. Non so, però, se verrò preso in considerazione. Sarà Horner a decidere”. Attualmente, dopo 8 delle 20 gare previste dal calendario della Formula 1 2012, Webber è messo meglio in classifica rispetto al due volte campione del mondo. Questo grazie soprattutto ad un pizzico di fortuna e ad una maggiore regolarità. Non tanto per prestazioni maiuscole. Unica eccezione è la bella vittoria di Montecarlo.

    Webber: pilota di scarto o pilota conteso tra Ferrari e Red Bull?

    Le parole di Sebastian Vettel somigliano molto a quelle uscite dalla bocca di Fernando Alonso un paio di settimane fa. Parlando di Felipe Massa, il pilota spagnolo si era fatto grande sponsor:”Sono felice con lui. E’ un grande pilota. Ci troviamo bene assieme. Vorrei che restasse…”, eccetera, eccetera. Ironia della sorte, è proprio Webber il candidato numero uno come successore di Massa. Il paradosso è che, nonostante presto arrivi una proposta di rinnovo del contratto su carta intestata Red Bull, l’australiano possa comunque decidere di andarsene per passare alla concorrenza Rossa. L’intrigo è da manicomio se si pensa ad un ulteriore sviluppo. Il passaggio dell’uomo proveniente dalla terra dei canguri non sarebbe altro che un qualcosa di provvisorio in attesa che in Ferrari approdi l’alto alfiere degli austriaci: Sebastian Vettel.