San Marino: vittoria Ferrari!

Finalmente

da , il

    San Marino: vittoria Ferrari!

    Finalmente. La Ferrari ha vinto. Non poteva essere altrimenti. O quasi. Alonso, infatti, non si è affatto smentito ed ha trasformato quella che poteva essere una cavalcata vincente in una corsa piena di sofferenza.

    Partenza impeccabile di Schumacher. Bene anche Button. Male Barrichello che viene sorpassato da Massa ed Alonso ed esce subito dai giochi. Anche dopo la safety car, entrata a causa di un incidente causato da Ide, le posizione restano invariate.

    Schumacher allunga e guadagna qualche secondo su Button e su gli altri. L’inglese è il primo a fermarsi. A causa di una sbagliata tattica a tre soste, esce però dal gruppo dei primi. Poi si fermano anche Massa e Schumacher. Quest’ultimo ha 13 secondi di vantaggio su Alonso.

    Lo spagnolo resta in pista per quattro giri in più e, quando si ferma anche lui, rientra al secondo posto con 8 secondi di distacco da Schumacher. Il tedesco non va più come prima. La colpa è delle gomme.

    In pochi giri Alonso gli arriva ai tubi di scarico e sembra che in qualsiasi momento possa passargli davanti. Schumy, aiutato anche dalla pista che non consente sorpassi, tiene bene. Il momento cruciale è il secondo pit-stop: alla Renault decidono di anticipare la sosta per poi sfruttare le gomme fresche e recuperare quei pochi decimi che mancano per andare davanti alla Ferrari. Ma, in quel giro in più che Schumacher fa prima di rientrare a sua volta, tiene il distacco minimo che aveva su Alonso e rientra in pista nuovamente davanti. Mancano ancora una ventina di giri che i due fanno attaccati ma il tedesco riesce con autorevolezza a non far passare Alonso e la vittoria arriva.

    Terzo è Montoya che viene premiato per aver condotto una gara regolare e senza sbavature. Quarto è Massa, anch’egli un po’ in crisi dopo il primo pit stop ed anche lui rallentato dall’esser finito nel mezzo al gruppo.

    Solo quinto Raikkonen penalizzato anche da una cattiva partenza. Sesto Webber, settimo Button protagonista di una comico/drammatica incomprensione al rifornimento. Anche Fisichella non riesce a fare un gran che. Essendo praticamente impossibile sorpassare non sfrutta mai le potenzialità della sua Renault.

    Ordine d’arrivo

    1.M.SCHUMACHER Ferrari 0’00″000

    2.ALONSO Renault 0’02″000 + 0’02″000

    3.MONTOYA McLaren Mercedes 0’15″000 + 0’15″000

    4.MASSA Ferrari 0’17″000 + 0’17″000

    5.RAIKKONEN McLaren Mercedes 0’18″000 + 0’18″000

    6.WEBBER Williams Cosworth 0’36″000 + 0’36″000

    7.BUTTON Honda 0’38″000 + 0’38″000

    8.FISICHELLA Renault 0’39″000 + 0’39″000

    9.R.SCHUMACHER Toyota 0’42″000 + 0’42″000

    10.BARRICHELLO Honda 1’14″000 + 1’14″000

    11.ROSBERG Williams Cosworth 1’16″000 + 1’16″000

    12.VILLENEUVE BMW Sauber 1’21″000 + 1’21″000

    13.HEIDFELD BMW Sauber 1 giro

    14.LIUZZI Toro Rosso Cosw. 1 giro

    15.SPEED Toro Rosso Cosw. 1 giro

    16.MONTEIRO Midland Toyota 2 giri