Sauber e Ferrari, 2 nodi da sciogliere: i nuovi motori e Perez

Formula 1: Ferrari e Sauber hanno due affari da discutere

da , il

    Sauber e Ferrari, 2 nodi da sciogliere: i nuovi motori e Perez

    I destini di Sauber e Ferrari si incrociano in modo netto nelle ultime ore. Ci sono ben due nodi che legano la scuderia italiana a quella svizzera. Il primo riguarda la fornitura dei nuovi motori V6 turbo del 2014. L’altro, il destino di Sergio Perez. Per quel che concerne i propulsori, va ricordato che, eccezion fatta per la parentesi in cui la scuderia di Hinwil ha corso con il nome BMW, da molti anni è stata spinta dalla Ferrari. Il contratto con Maranello, però, scade al termine del 2013, vale a dire quando finirà l’era dei motori V8 per passare ai già citati V6. Quanto al pilota messicano, proseguono le grandi manovre. Se fosse lui il successore di Felipe Massa, Peter Sauber dovrà trovare un sostituto all’altezza. L’eventualità non è molto probabile. Ma neppure impossibile.

    Guarda anche:

    Sauber: addio motori Ferrari dal 2014?

    Una Sauber spinta dai motori Ferrari non è una legge di quelle incontrovertibili. Ad ammetterlo è la responsabile del team Monisha Kalternborn:“Prima di parlare con altri soggetti ovviamente dovremmo incontrarci con il nostro attuale partner - ha dichiarato – vogliamo, però, valutare ogni possibilità”. Oltre alla Ferrari, le alternative al momento sono rappresentate da Mercedes e Renault. La Cosworth non sarà della partita mentre la debuttante Pure ha alzato bandiera bianca prima ancora di portare a termine l’ambizioso progetto. Obiettivo del team svizzero è spuntare un prezzo relativamente vantaggioso:“L’aspetto finanziario sarà molto importante. Non vogliamo pagare tanto per dei motori”, ha concluso la Kaltenborn.

    Per Perez conta solo il presente

    Sergio Perez non sembra avere, al momento, grosse chance di arrivare in Ferrari nella stagione 2013 di Formula 1. I nomi caldi sono altri. In cima alla lista dell’immaginario pubblico c’è Kimi Raikkonen che, rispetto al giovane messicano, ha sicuramente un’altra caratura. Sarà per questo che la scuderia di Hinwil non si preoccupa particolarmente di trovare un’alternativa. “Noi crediamo di avere il nostro pilota per l’intera stagione - ha chiarito la donna che si prepara a diventare dal 2013 il nuovo team principal della Sauber - siamo concentrati sull’attuale annata e non siamo preoccupati. Anche i nostri piloti pensano solo al presente e non sono particolarmente sotto pressione”, ha aggiunto Monisha Kalternborn. Pochi giorni fa, però, proprio Perez aveva mostrato qualche segnale di nervosismo lamentandosi di non aver ricevuto nessuna comunicazione, né in un senso, né nell’altro, da parte della Ferrari. Ricordiamo che il pilota è già sotto contratto con la scuderia italiana all’interno del programma per giovani talenti Ferrari Driver Academy.